Alla ricerca del posto fisso

Pare che 4,5 milioni di occupati siano insoddisfatti circa il loro lavoro. E’ una cifra che emerge da uno studio della Fondazione “Giuseppe Di Vittorio” della CGIL. Un elemento...

Pare che 4,5 milioni di occupati siano insoddisfatti circa il loro lavoro. E’ una cifra che emerge da uno studio della Fondazione “Giuseppe Di Vittorio” della CGIL. Un elemento che si aggiunge al desolante aspetto complessivo del mondo precario e del non-lavoro.
Sembra che il motivo dell’insoddisfazione sia proprio quello che oggi viene definito un’anticaglia, un ferrovecchio del passato… il posto fisso. Ai contratti a tempo determinato, i lavoratori preferirebbero quelli a tempo indeterminato.
Come dare loro torto! E’ una vita che ci battiamo per far rinascere questa voglia, questa propensione a vedere nel lavoro non qualcosa che si può agevolmente (peraltro non è così) cambiare senza pericoli di diminuzione del salario o di irreperibilità di un nuovo posto…
Qualcosa inizia ad emergere… Magari non sarà ancora “coscienza di classe”, ma un po’ di coscienza su ciò che sarebbe meglio è già, per l’appunto, meglio di niente.

(m.s.)

foto tratta da Pixabay

categorie
Lo stiletto
nessun commento

lascia un commento

*

*

altri articoli

  • Liberamente disperati

    C’è un problema, e voi direte: “‘…ché, non te ne eri accorto?!”, se fa più notizia il maiale che scorrazza nella spazzatura romana invece della nuova missione militare in...
  • Noia e comodità

    637 morti sul lavoro nel 2017. 3 operai morti ieri. I padroni muoiono di noia o comodamente nei loro letti. Anche nella morte, oltre che nella vita, possono esistere...
  • Non pervenute

    A me le razze risultano non percepite. A voi sì? Per una evidenza di dati di fatto? Perché è vero che esiste il bianco e il nero? Io voglio...
  • La sfida di Lidia

    “Perché non ci impegniamo, oltre a ricordare il 4 dicembre e il successo ottenuto dal NO, insperato in quelle dimensioni, a cercar di ripetere un altro risultato insperato?  A...