Alla ricerca del posto fisso

Pare che 4,5 milioni di occupati siano insoddisfatti circa il loro lavoro. E’ una cifra che emerge da uno studio della Fondazione “Giuseppe Di Vittorio” della CGIL. Un elemento...

Pare che 4,5 milioni di occupati siano insoddisfatti circa il loro lavoro. E’ una cifra che emerge da uno studio della Fondazione “Giuseppe Di Vittorio” della CGIL. Un elemento che si aggiunge al desolante aspetto complessivo del mondo precario e del non-lavoro.
Sembra che il motivo dell’insoddisfazione sia proprio quello che oggi viene definito un’anticaglia, un ferrovecchio del passato… il posto fisso. Ai contratti a tempo determinato, i lavoratori preferirebbero quelli a tempo indeterminato.
Come dare loro torto! E’ una vita che ci battiamo per far rinascere questa voglia, questa propensione a vedere nel lavoro non qualcosa che si può agevolmente (peraltro non è così) cambiare senza pericoli di diminuzione del salario o di irreperibilità di un nuovo posto…
Qualcosa inizia ad emergere… Magari non sarà ancora “coscienza di classe”, ma un po’ di coscienza su ciò che sarebbe meglio è già, per l’appunto, meglio di niente.

(m.s.)

foto tratta da Pixabay

categorie
Lo stiletto
nessun commento

lascia un commento

*

*

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.









altri articoli

  • Un applauso ad Ermal Meta

    Gli faccio un plauso in più. Non solo perché è uno dei miei cantautori preferiti, che amo sotto più punti vista, ma perché, presente al “Giffoni Film Festival”, ha...
  • Contro i vergognisti

    E’ quando avete cominciato ad avere paura della parola “comunismo” che molto è iniziato a cambiare. E’ quando avete cominciato ad avere paura della parola “comunismo” che tanto è...
  • Non essendoci, ci sono

    Diciassette anni fa a Genova si apriva una stagione di repressione ma anche di speranza. Il movimento cresciuto e nato allora, quello che voleva “un altro mondo possibile”, quello...
  • Niente danni fisici

    Negare l’Olocausto non produce danni fisici, reali o attacchi ad individui. Negare ciò che è stato lo sterminio pianificato dal governo nazista e da tutto un apparato servizievole e...