Acerbo: “Dal ‘no’ sociale al ‘sì’ politico per la sinistra alternativa”

Rifondazione comunista. Il nuovo segretario del Prc: “Dai referendum è emersa una ricchezza dentro il paese che merita di più di una lista elettorale all'ultimo minuto". La richiesta a partiti e movimenti alternativi al neoliberismo di Pd e Forza Italia: "Dobbiamo andare oltre gli steccati, per una sinistra che voglia vincere e governare".

Maurizio Acerbo, nei tuoi primi interventi da segretario del Partito della Rifondazione Comunista hai citato le osservazioni fatte da un ospite, molto applaudito, come il costituzionalista Gaetano Azzariti. Come mai?
Il professor Azzariti ha detto due cose: che, da non iscritto, ha lavorato con noi in più di un’occasione; e che occorre trasformare in un ‘sì’ politico il ‘no’ sociale emerso nel paese, dai referendum sui beni comuni a quello costituzionale. In ogni città si sono attivate migliaia di persone che si sono ritrovate in un cammino comune di alternativa al neoliberismo, e quindi anche al Pd. Allora non vedo perché tutte queste persone non possano condividere un movimento popolare, con i partiti di sinistra ma anche con chi si mobilita in difesa dell’ambiente, dei diritti e delle tutele del lavoro, della democrazia. Anche con chi non si dice di sinistra perché nauseato dell’uso che negli ultimi anni si è fatto del termine. Sabato sarò a Barcellona, per l’assemblea costituente di un soggetto unitario con le proposte che noi avanziamo in Italia.

Hai parlato con toni elogiativi anche di Luigi De Magistris.
Credo sia positiva l’esperienza di Napoli di tenere insieme realtà variegate ma che condividono una posizione di chiara alternativa al Pd, di rottura con la ‘politica politicante’, e di radicalità dei programmi. La sinistra non può essere scambiata con la casta: abbiamo regalato questa parola a Grillo quando era di Marx nei suoi scritti sulla Comune di Parigi, e di Gramsci quando parlava della casta governativa al servizio dei grandi industriali. Abbiamo bisogno anche della esperienza napoletana per una sinistra che voglia vincere e governare, Così come abbiamo bisogno delle forze sociali che si stanno opponendo alle politiche ‘marchionnesche’. La Fiom è fondamentale. E’ positivo anche il cammino della Cgil, che ha avviato un confronto serrato con il governo. E il sindacalismo extraconfederale, con cui abbiamo lavorato insieme per il ‘no Renzi day’.

Non è troppa carne al fuoco? Paolo Ferrero ha segnalato come la sinistra, comunista e non, abbia perso gran parte della sua credibilità anche per proprie colpe.
“Abbiamo fatto errori politici gravi, anche di comportamenti: mi padre si fidava di Nenni e Di Vittorio perché non li considerava della casta, ma uomini che avevano messo in gioco la vita per i principi per cui lottavano. Oggi non dobbiamo inventarci nuovo marketing, è la sinistra, e chi vuole rappresentarla, che deve tornare a fare il suo mestiere”.

Altro tema delicato, viste le cautele, e le difficoltà, nella costruzione di una sinistra unitaria e di alternativa.
C’è una ricchezza dentro il paese che merita di più di una semplice lista elettorale all’ultimo minuto. Ma questo non riguarda solo la rappresentanza istituzionale. Se nel dibattito pubblico non c’è un punto di vista di sinistra quando lo scivolamento a destra del Pd è slittato al piano sociale, basta pensare al decreto Minniti-Orlando, questa debolezza è un problema di tutti. Quindici anni fa a Roma, per contestare il vertice Ue e la sue politiche, ci sarebbero state 100mila persone. Insieme, non con due manifestazioni nobilissime ma poco partecipate. Dobbiamo andare oltre gli steccati. Quando lo facciamo, vedi i referendum, l’effetto moltiplicatore c’è, superando la contrapposizione fra politico e sociale, riconquistando visibilità, e senza continuare a spaccare il capello in quattro. Perché dobbiamo ambire ad essere lo strumento con cui la maggioranza del paese difende i propri diritti, i servizi, la qualità della vita.

Eppure, al congresso, l’intervento di Nicola Fratoianni a molti non è piaciuto.
A me sì, anche se credo che Sinistra italiana debba avere il coraggio di un ulteriore passo avanti. Così come i movimenti, come De Magistris. Come i tanti che su lavoro, welfare, Europa e temi ambientali hanno maturato una visione comune. alternativa allo stato delle cose. Al neoliberismo di Pd e Forza Italia. Alle destre razziste. Anche al M5S, perché il caso di Paolo Berdini è cartina di tornasole. L’esperienza dell’Altra Europa nel 2014 è stata miracolosa, e ha riportato tanti a impegnarsi. Poi si è arenata per i problemi interni di Sel. Ma ora non possiamo perdere un’altra occasione.

RICCARDO CHIARI

da il manifesto.it

foto tratta dalla pagina Facebook nazionale del Partito della Rifondazione Comunista

categorie
Rifondazione ComunistaSpeciale Congresso 2017
nessun commento

lascia un commento

*

*

altri articoli