Vedo grigio, vedo nero

Le analogie le vedo. A tinte fosche. A tinte grigio-nere. Col trattino in mezzo ai due colori, per separarli e anche per unirli. Separarli perché un po’ tutto ciò...

Le analogie le vedo. A tinte fosche.
A tinte grigio-nere. Col trattino in mezzo ai due colori, per separarli e anche per unirli.
Separarli perché un po’ tutto ciò che è umano il grigiore della paura lo separa dal resto: da giudizi equilibrati, dal buon senso, dalla tendenza, che dovrebbe essere umana, a considerare l’uguaglianza come un valore e non come una sopportazione, un peso da portare, un riferimento morale fastidioso.
Separarli perché un po’ tutto ciò che è reso dis-umano dal grigiore, il nero lo peggiora: la sopportazione diventa intolleranza, disprezzo, contrarietà aperta, nuova cultura antisociale delle masse sedotte dalla egoistica disperazione del futuro invisibile.
Le analogie le vedo, eppure se le affermassi sarei certamente deriso nel migliore dei casi, incompreso nel peggiore.

(m.s.)

foto tratta da Pixabay

categorie
Lo stiletto

altri articoli

  • Prodi, Epifani e Di Maio, spingitori di cavalieri

    “Neppure per me esiste un tabù su Forza Italia. Penso che sia più utile e interessante discutere sulla ‘praticabilità’ di un suo eventuale ingresso in maggioranza, studiarlo, tenendo conto...
  • Chi s’ha da infuriare

    Se Salvini rivendica una specie di eredità berligueriana per sé e per la Lega, non deve infuriarsi il PD. Ci dobbiamo infuriare noi comuniste e comunisti. Noi che gli...
  • Buchi di governo

    Dal “Decreto semplificazioni“, primo punto dopo i nodi ferroviari: «nuova linea Torino-Lione: tunnel di base ed adeguamento linea storica». La TAV al primissimo posto nell’elenco delle infrastrutture cui mettere...
  • Il velo di Silvia

    E’ una questione di libertà. Una libertà che si vede, un’altra che si fa fatica a vedere. Silvia Romano ha dichiarato che per lei “il velo è un simbolo...