Vamos a la playa

Sembra che ad Alassio, in provincia di Savona, su una spiaggia bellissima della Riviera, un cane abbia ringhiato ai migranti. A migranti di colore. Ne è scattato un applauso...

Sembra che ad Alassio, in provincia di Savona, su una spiaggia bellissima della Riviera, un cane abbia ringhiato ai migranti. A migranti di colore. Ne è scattato un applauso da parte della gente che si rosolava al sole, che faceva il bagno, che si spalmava la crema per non scottarsi.
Ne è scattato un incitamento alla bestiola a continuare, a fare come fanno gli umani: inveire, aggredire verbalmente dalle reti sociali su Internet fino alla vera realtà dei fatti tristi ma non solitari e nemmeno finali.
I cani vivono la vita attraverso l’odorato: percepiscono gli odori e abbaiano se un odore non gli piace. Ma non lo fanno con lo sdegno che proviamo noi se ci passa magari accanto una persona asiatica o africana e ne percepiamo un odore differente, magari derivante dalla semplice sudorazione… Il cagnolino è innocente. E’ come i bambini, agisce per istinto. Per fortuna. Non ha quel difetto enorme che è la ragione, la capacità raziocinante di discernere.
Qualcuno darà la colpa al caldo. Dà alla testa. Invece la colpa è di chi dai palazzi alle piazze prova a riformare l’incultura italiana con una cultura dell’odio e del disprezzo del diverso, dell’altro da noi.
Povero cagnolino: al centro di una querelle che riguarda solo i (dis)umani. Almeno lui è innocente.
E poi nel contesto tutto può essere…
La spiaggia, il mare, il sole: l’abbronzatura non deve essere eccessiva. Si rischia di confondersi con i migranti. La protezione solare può avere anche una funzione razzista: aiuta contro i melanomi, ma più di tutto aiuta a non diventare troppo neri…

(m.s.)

foto tratta da Pixabay

categorie
Lo stiletto
nessun commento

lascia un commento

*

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.









altri articoli

  • La corsetta

    Una corsa per le vie di Roma con la maglietta e i pantaloncini della polizia. Una corsa e poi in Consiglio dei ministri. Una corsa e poi un messaggio...
  • Ape Maia

    A dispetto più di me stesso che della morale, mi sarebbe tanto piaciuto essere una puttana. Sarei stato molto più libero, rilassato e senza tanti pregiudizi. Forse però essere...
  • Purezza

    Menti pure. Stampa pura. Editori puri. Giornalisti puri. La purezza profuma di epurazione. La purezza di chi diceva: “Al governo solamente da soli”. Senza nessun compromesso con altri partiti....
  • Einstein oggi

    In una lettera del 1922, fino ad oggi sconosciuta, Albert Einstein prevede con largo anticipo ciò che sarebbe diventato il suo Paese, la Germania: “Qui si preparano tempi bui”,...