Un potere di cui fare a meno

Un’organizzazione politica che vota quale statuto adottare tra più modelli proposti è un’organizzazione impolitica, nel senso che non inizia a fare politica così. Così dimostra soltanto di avere davanti...

Un’organizzazione politica che vota quale statuto adottare tra più modelli proposti è un’organizzazione impolitica, nel senso che non inizia a fare politica così.
Così dimostra soltanto di avere davanti a sé opzioni tanto diverse da essere impossibili da ridurre a sintesi ragionata, politicamente tale.
Gli statuti, da che mondo è mondo, almeno tra noi comunisti, si votano su base di una proposta che viene emendata da un congresso con sostituzioni, integrazioni, ecc.
La votazione a statuti contrapposti, la scelta dello Statuto A piuttosto che dello Statuto B o dello C è una novità interessante (nel senso più negativo e deleterio dell’avverbio).
Così come è interessante la proposta della “democrazia diretta”, l’elezione plebiscitaria del o dei portavoce.
Di un potere così, francamente, il popolo può farne a meno. Almeno quello di sinistra.

(m.s.)

foto tratta da Pixabay

categorie
Lo stiletto
nessun commento

lascia un commento

*

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.









altri articoli

  • La tortura a 15 anni

    Quindici anni. Lo hanno sequestrato per avere informazioni su un altro ragazzo che cercavano. Non sono degli spietati adulti, degli aguzzini con le rughe sui volti. Ragazzi come lui,...
  • Superman

    Chetatevi. Il pugno di Toninelli non è quello comunista. E’ il pugno di Superman! (m.s.) foto tratta da Pixabay...
  • La corsetta

    Una corsa per le vie di Roma con la maglietta e i pantaloncini della polizia. Una corsa e poi in Consiglio dei ministri. Una corsa e poi un messaggio...
  • Ape Maia

    A dispetto più di me stesso che della morale, mi sarebbe tanto piaciuto essere una puttana. Sarei stato molto più libero, rilassato e senza tanti pregiudizi. Forse però essere...