Un applauso ad Ermal Meta

Gli faccio un plauso in più. Non solo perché è uno dei miei cantautori preferiti, che amo sotto più punti vista, ma perché, presente al “Giffoni Film Festival”, ha...
Ermal Meta

Gli faccio un plauso in più. Non solo perché è uno dei miei cantautori preferiti, che amo sotto più punti vista, ma perché, presente al “Giffoni Film Festival”, ha rimarcato come sia necessario scrivere in un buon italiano, non disarticolare e distruggere la grammatica della nostra lingua. Rispettarla per rispettare le emozioni che la musica, attraverso anche le parole, può e deve dare.
Bravo Ermal!

(m.s.)

foto: screenshot televisivo di autorealizzazione

categorie
Lo stiletto

altri articoli

  • La soglia del “voto”

    Se solo fosse possibile mostrare con grande semplicità, con una comunicazione diretta, immediata le enormi ingiustizie che i popoli subiscono ogni giorno da parte dei potenti al servizio di...
  • Gli imbecilli oltre il capitale

    Va bene, il capitalismo tutto contiene, tutto influenza, tutto produce e condiziona. Ma l’imbecillità di chi continua a negare che il Covid-19 sia una pandemia, minimizzandola, riducendo il tutto...
  • Imprenditori, sfacciati sfruttatori

    In decenni e decenni di defiscalizzazioni, deregolamentazioni e semplificazioni normative, nonché in un ultra trentennale disposizione di tante categorie economiche e imprenditoriali di medio di grande stampo, la cumulazione...
  • Silvie libere

    “Silvia è libera!“. Essendo ormai quasi oltre il mezzo del cammin di nostra vita ho pensato subito alle tante volte che lo abbiamo urlato per un’altra Silvia, rinchiusa in...