Titolo o insulto?

Questo è “giornalismo”? La domanda non vuole essere retorica anche se ciò potrebbe essere indotto a pensare chi, con un po’ di buon senso e un minimo di cultura...
La copertina odierna del quotidiano "Libero"

Questo è “giornalismo”?

La domanda non vuole essere retorica anche se ciò potrebbe essere indotto a pensare chi, con un po’ di buon senso e un minimo di cultura personale, vedesse per la prima volta oggidì la copertina che potete vedere qui.

Si sa che i titoli sono soggetti alla legge della sintesi estrema e a volte forzano gli stessi contenuti dei pezzi che aprono: non sempre ciò che un giornalista scrive corrisponde, per l’appunto, al primo impatto che il titolista vuole dare. Il pezzo fa cronaca o opinione. Il titolo fa strillonaggio, sensazionalismo, deve attirare e quindi deve avere in sé una espressione quasi genetica di provocazione. Ma c’è un limite.

C’è un limite tra il titolo che attrae e fa leggere il giornale, come quelli a doppio e triplo senso che ogni giorno fa “il manifesto” (nonché anche altre testate; ma diciamo che il quotidiano comunista brilla ancora come “eccellenza” in tal senso) e il titolo o il catenaccio che sono solo meri insulti, volgarità prive di qualunque attinenza con la funzione pedagogica che deve avere un quotidiano: abituare alla lettura, al ragionamento, stimolare criticamente le menti e non indurre all’odio, al disprezzo, all’anatema.

Se gli italiani pensano che questo è giornalismo, allora non può esservi spazio a commenti.

I nostri sarebbero considerati “pulci” ad un linguaggio “chiaro” e “normale”. Proprio questa normalità è il cuore della questione…

(m.s.)

categorie
Lo stiletto





passa a…



altri articoli

  • E’ banale ma va detto

    Non bisogna esultare troppo. Il “capitano” ha molte risorse e molte capacità di “rivoltare la frittata” evocata da Luigi Di Maio. Dipende chi prende in mano per primo il...
  • Tempi non diversi

    150 migranti dispersi, probabilmente tutti morti nelle acque del Mediterraneo. Italiani scrivono sui social: “Potevano stare a casa loro. Buon appetito ai pesci“. Un po’ come scrivere “Il lavoro...
  • TAVolta

    TAVolta capita di sbagliarsi. TAVolta capita di battersi per una vita per una causa, poi andare al governo e scoprire che quel potere che si voleva si ritorce contro...
  • Resistere ancora

    “Resistere, resistere, resistere“, aveva detto Francesco Saverio Borrelli in tempi in cui attorno alla magistratura la politica faceva il deserto e il cosiddetto “popolo” provava invece a trovare una...