Titolo o insulto?

Questo è “giornalismo”? La domanda non vuole essere retorica anche se ciò potrebbe essere indotto a pensare chi, con un po’ di buon senso e un minimo di cultura...
La copertina odierna del quotidiano "Libero"

Questo è “giornalismo”?

La domanda non vuole essere retorica anche se ciò potrebbe essere indotto a pensare chi, con un po’ di buon senso e un minimo di cultura personale, vedesse per la prima volta oggidì la copertina che potete vedere qui.

Si sa che i titoli sono soggetti alla legge della sintesi estrema e a volte forzano gli stessi contenuti dei pezzi che aprono: non sempre ciò che un giornalista scrive corrisponde, per l’appunto, al primo impatto che il titolista vuole dare. Il pezzo fa cronaca o opinione. Il titolo fa strillonaggio, sensazionalismo, deve attirare e quindi deve avere in sé una espressione quasi genetica di provocazione. Ma c’è un limite.

C’è un limite tra il titolo che attrae e fa leggere il giornale, come quelli a doppio e triplo senso che ogni giorno fa “il manifesto” (nonché anche altre testate; ma diciamo che il quotidiano comunista brilla ancora come “eccellenza” in tal senso) e il titolo o il catenaccio che sono solo meri insulti, volgarità prive di qualunque attinenza con la funzione pedagogica che deve avere un quotidiano: abituare alla lettura, al ragionamento, stimolare criticamente le menti e non indurre all’odio, al disprezzo, all’anatema.

Se gli italiani pensano che questo è giornalismo, allora non può esservi spazio a commenti.

I nostri sarebbero considerati “pulci” ad un linguaggio “chiaro” e “normale”. Proprio questa normalità è il cuore della questione…

(m.s.)

categorie
Lo stiletto

altri articoli

  • Maria Antonietta

    Briciole, brioches, pane. C’è chi darebbe le briciole che cadono dal tavolo. C’è chi, più aristocraticamente, direbbe: “Chiedono pane? Dategli le brioches!“. Poi c’è chi direbbe: “Prima gli italiani!“....
  • Contro gli speculatori

    Una certa storiografia critica verso il “Maximum“, approvato nel settembre del 1793 dalla Convenzione nazionale francese, adesso dovrebbe comprendere la necessità di quella misura in tempi che, guerre che...
  • Fabbriche e nevrosi

    Signori, si chiude! Ed è pure troppo tardi. Ma ben venga la serrata di tutte le attività produttive non strettamente necessarie alle esigenze primarie: cibo, medicine, informazione. Pare anche...
  • Siate vegani, non teste di avocado

    Bisogna cercare di non cadere mai nella banalizzazione dei concetti. Per cui affermare (come ho potuto ascoltare in radio) che “in un mondo fatto solo di vegani il Coronavirus...