libertà

  • Le buone ragioni di un rinvio al Parlamento

    Può un governo legittimo adottare un atto normativo di natura provvisoria (decreto legge) in contrasto con la Costituzione e con gli obblighi internazionali dell’Italia? Se un tale decreto viene convertito in legge da una maggioranza parlamentare le violazioni costituzionali e internazionali in essa contenute diventano permanenti? A chi spetta...
  • Pistole e paura: la normalità del nuovo bel Paese

    Spare o non sparare. Difendersi o non difendersi. Arrendersi. Forse perire. Sembra un incipit un po’ shakespeariano per un dramma che è tale e che divide inevitabilmente l’opinione pubblica esagitata da mesi e mesi di securitarismo, di paura dei migranti, di voglia del “pugno duro” da parte di un...
  • Un primo passo verso un regime autoritario popolarmente accettato

    E’ un primo passo verso un’Italia più poliziesca, dove le pistole laser proliferano, dove i divieti aumentano e dove le garanzie ed i diritti si restringono attraverso modifiche di tempistiche per ottenere permessi di soggiorno e persino una “cittadinanza” che si attende regolarmente da oltre dieci anni. E’ questo...
  • Tutte le volte che…

    Ogni volta che affittate un locale ai neofascisti, li legittimate. Ogni volta che gli concedete uno spazio pubblico, li legittimate. Ogni volta che gli consentite di presentarsi alle elezioni in barba alle leggi ed alla Costituzione, seguendo cavilli giuridici e burocratici che farebbero impallidire un azzeccagarbugli, li legittimate alla...
  • Securitate

    La “ventata securitaria” su base razzistica imposta dalla Lega sta incidendo profondamente sul tessuto politico del M5S e sulla stessa natura di questo Movimento sorto bruscamente a soggetto con ruolo “pivotale” nella tormentata vicenda politica italiana, ristrutturando così anche l’asse sui cui ha fin qui poggiato l’alleanza di governo....
  • Perché il fascismo non sia più l’autobiografia della nazione

    Il 28 ottobre ricorre l’anniversario della Marcia su Roma: data simbolicamente assurta ad inizio del regime fascista. A distanza di tanti anni, esattamente novantasei, ci troviamo alle prese con evidenti rigurgiti fascisti nella pratica di vere e proprie provocazioni poste in atto in termini di simbologia e richiamo diretto....
  • La libertà? Dietro l’ipocrisia della sicurezza

    Quello dell’ “aumento dei poteri” ad una determinata carica dello Stato o degli Enti locali, oppure quello delle “leggi speciali” sono temi che vengono inseriti sempre in un contesto politico frenetico, privo di una linearità capace di inserirsi in un dibattito anche animato ma civile. La tragedia avvenuta nel...
  • Non abbiamo alibi: riconoscere l’autoritarismo è un dovere

    Le giustificazioni tecniche di trenta e più irregolarità possono certamente essere alla base di un documento che si fa fatica a leggere, proprio perché tecnico. Tant’è, per capire la “questione di Riace” è necessario fare anche questo, addentrarsi nell’elenco di irregolarità che il Comune in questione avrebbe accumulato e...
  • Il “progetto” della Resistenza e l’autoritario “nuovismo”

    La pubblicistica corrente ha inserito l’azione di governo attualmente in corso in Italia all’interno di due categorie: populismo e sovranismo (compreso l’esplicito richiamo all’autarchia.) Definizione che può essere considerata abbastanza precisa a patto che la si collochi all’interno del suo contesto naturale sul piano storico, culturale, morale: quello del...
  • Non è tempo di uguaglianza e verità delle parole

    Non è tempo di trasformazione Ci sono giornate in cui il livello di sopportazione di determinati contesti è intollerabile. Si va dai propri vicini di casa fino alla particolare situazione di un Paese privo di cultura generale, immerso in un egoismo esasperato e alimentato da una strumentale visione della...
  • Un po’, un poco

    Fino a quando ci lasceranno un po’ di libertà penseremo di averla tutta. Quando ce l’avranno tolta tutta, penseremo di averne ancora un poco. (m.s.) foto tratta da Pixabay...
  • Libertà e libertà

    Sempre molto difficile scegliere di appoggiare o tollerare il liberismo contro neonazismo: Junker fa appello ai diritti umani e all’Europa come baluardo dei medesimi. Ma i diritti si tengono per mano, a braccetto, stretti gli uni agli altri: sociali e civili. Pensare alla libertà civile senza pensare a quella...
  • Il programma anarchico

    Le differenze strategiche, le anche opposte convinzioni sul ruolo delicatamente terribile del potere non possono essere di ostacolo alla comprensione di un punto di vista importante: quello anarchico. Errico Malatesta, esponente del movimento libertario di inizio ‘900, riassume qui eccellentemente il pensiero delle compagne e dei compagni che da...
  • Rispetto. A cosa? Per chi?

    Respect. Rispetto. Così si chiamava una coalizione di sinistra di alternativa. Il rispetto non è autoritarismo, dominazione, imposizione, dito puntato contro qualcuno per accusarlo di essere “irrispettoso”. Il rispetto è spontaneità, è libertario per natura, è anarchico o non è. Il rispetto è partecipazione all’armonia di una, per ora,...
  • La via d’uscita dal nostro “Truman Show”

    Ho provato a cercare una via di uscita dopo che ho notato che tutto intorno a me pareva avere i tratti della finzione e ogni tanto cedeva al passo della réclame di mercato. Mi sembrava di vedere spot pubblicitari un po’ ovunque, fuori dai cartelloni e dalle televisioni. Dentro...
  • Articolo 67

    Aprite la Costituzione della Repubblica italiana e provate a leggerla nonostante sia così poco seguita e applicata dagli stessi vertici istituzionali dello Stato e dai tanti enti di secondo grado che, come tutte e tutti noi, sono tenuti ad osservarla senza se e senza ma. Scorretela e arrivate all’articolo...
  • La scuola dei bulli è la scuola dell’individualismo esasperato

    Ma che cosa sta succedendo? E’ la domanda un po’ retorica che ci facciamo tutte e tutti quando assistiamo ad un video, ripreso con un telefonino, dove uno studente si avvicina alla cattedra, tenta di strappare di mano il tablet al professore per impedirgli di registrare un voto insufficiente...
  • Se non è “di classe”, l’indignazione è solo una imitazione

    L’indignazione. Questa dea dell’animo umano che ritorna ogni tanto a farci visita quando accade qualcosa che ci turba profondamente, che recalcitra contro i nostri princìpi morali, siano essi formati su un presupposto laico o religioso. L’indignazione è tornata a farsi sentire anche in campagna elettorale, proprio in questi giorni,...
  • La libertà scambiata

    Studenti che picchiano i professori. Genitori che picchiano i professori. Qualcosa non torna: non sono forme di ribellione, sono veri e propri atti di intimidazione, percosse. Tenendo in dovuta considerazione le differenze che vi sono da caso a caso, non si può non notare come il filo conduttore sia...
  • I miei 70 anni con la Costituzione

    Discorso tenuto alla Biblioteca del Senato il 27 dicembre 2017 per la celebrazione del 70° anniversario della firma della Costituzione promossa dal Coordinamento per la democrazia costituzionale La Costituzione ed io siamo cresciuti insieme. Siamo fratelli, se non proprio coetanei. Lei è un po’ più giovane di me, perché...
  • Dal biotestamento una lezione di uguaglianza e di civiltà

    In mezzo a tanti guazzabugli legati alle leggi elettorali, a divisioni nette su argomenti molto tecnici e ben poco etici, per una volta il Parlamento della Repubblica ha mostrato quel volto di “legislatore” che dovrebbe sempre comunicare ai cittadini: ha approvato una legge nell’interesse tanto del singolo quanto della...
  • L’insegnamento dell’assenza a scuola

    La notizia di cronaca, di taglio basso, ci dice che uno studente è stato premiato per non aver mai fatto un giorno di assenza a scuola. La madre però ha ritenuto che ciò non fosse un merito e dunque ha rifiutato il premio. Sostiene la signora che non assentarsi...
  • Il 2 giugno e l’incertezza politica di oggi

    Il quadro istituzionale del nostro Paese si trova in una fase di grande confusione e incertezza. L’esito del referendum del 4 Dicembre 2016 ha consentito di respingere l’attacco alla modifica del regime parlamentare che era stato tentato e sicuramente questo ha rappresentato un fatto positivo. Di seguito, però, si...
  • La velocità dell’informazione e la libertà di espressione

    Ci ha reso passivi la velocità. Di tutto. Ma particolarmente quella dell’informazione. E questa passività è diventata l’acquisizione, solamente in parte spontanea, di un numero di notizie che sono così innumerevoli da essere impercettibili nell’insieme. Diventano un caleidoscopio di confusione e, quindi, di pressapochismo. Scorrendo le prime pagine dei...
  • I palestinesi hanno il diritto di sfilare il 25 aprile

    Il 25 aprile non è soltanto la festa della Liberazione e la celebrazione dell’atto finale della Resistenza al nazifascismo. Ogni anno dovrebbe richiamare, oltre alla storicità della memoria in merito agli eventi italiani ed europei intercorsi nel periodo della Seconda guerra mondiale, anche tutte le forme di resistenza che...
  • Del Grande digiuna nella prigione turca. Chi sta con Gabriele?

    #iostoconGabriele #freegabriele Gabriele Del Grande, detenuto dal 9 aprile in Turchia assieme almeno ad altri 150 giornalisti di quello stato, inizia uno sciopero della fame e in Italia si attiva il circuito del giornalismo critico e dell’associazionismo solidale per sostenerlo in quella battaglia. Popoff aderisce alle iniziative e le...
  • L’appello: “Mai più polizia nelle università!”

    L’università e tutti i luoghi di circolazione e produzione dei saperi non possono essere scenario di repressione militare del dissenso, chiediamo a tutti di sottoscrivere questo appello, di unirsi nel condannare quanto successo poco dopo le ore 17 del 9 febbraio del 2017, nella biblioteca di scienze umanistiche di...
  • J’accuse! L’idiozia criminale al tempo della sua riproducibilità tecnica

    “Porque esta gran humanidad ha dicho basta y ha echado a andar…” (Ernesto Guevara De la Serna) “Voi che vivete sicuri Nelle vostre tiepide case, Voi che trovate tornando a sera Il cibo caldo e visi amici: Considerate se questo è un uomo Che lavora nel fango Che non...
  • Quella repubblica in mezzo al mare che fece tremare i potenti

    E’ morto alla buona età di 92 anni un ingegnere il cui nome, alla maggior parte delle persone, dirà poco, forse proprio niente. Giorgio Rosa se ne è andato pensando ancora alla sua “Repubbblica Esperantista dell’Isola delle Rose”, ad una utopia che nacque in mezzo al turbolentismo del 1968,...
  • Un pensiero anarchico per Fabo

    Non ho scritto niente su Facebook o altrove sulla morte di DJ Fabo. Non credo ci sia molto da dire se non ripetere un concetto che ho sempre espresso: ogni essere umano ha come unico proprietario sé stesso e non dovrebbe rispondere a nessun ente statale, ecclesiale o di...
  • L’antifascismo genovese pilastro fondamentale della democrazia

    La notizia è questa, nota già da alcuni giorni: Sabato 11 febbraio l’ultradestra si riunirà a Genova con due ospiti “d’onore”: il tedesco Udo Voigt, parlamentare europeo con simpatie neonaziste, e il francese Yvan Benedetti, leader di un movimento estremista sciolto dal Governo nel 2013 dopo l’uccisione di un...
  • Al di là del Muro c’era soltanto un capitalismo di stato

    Nell’ormai passato anniverasio di nascita del PCd’I, c’è ancora qualche comunista che, definendosi tale, pensa di rivendicare il socialismo reale come forma di comunismo applicato o applicabile. Ciò che stava al di là del muro berlinese, dunque, della cortina di ferro churchilliana era bontà per i lavoratori e i...
  • Due ragazzi, un’ascia e la fame collettiva di cronaca nera

    Qualche settimana fa sono andato al cinema a vedere “Fai bei sogni” di Marco Bellocchio, ispirato al libro di Massimo Gramellini. Il tema trattato era molto attrattivo per me: il rapporto figlio – genitori e viceversa. Ma, prima di tutto, quell’asse: dal figlio verso i genitori. Devo dire che...
  • Liberamente ignoranti

    A Roma la targa in ricordo di Giacomo Matteotti è stata mandata in frantumi. A Vicenza i naziskin chiedono la messa al bando dell’ANPI e un processo per tutti i partigiani. Ciò che scandalizza non è un pezzo di marmo rotto o una richiesta: ciò che scandalizza è che...
  • Brasile, massacri da record nelle carceri

    Continuiamo a fornire materiali sulla situazione in Brasile. Domenica 1° gennaio 2017 una ribellione nel Complesso penitenziario Anísio Jobim (Compaj) a Manaus ha lasciato sul terreno 56 detenuti senza vita; venerdì 6 gennaio 2017 altri 33 detenuti sono stati uccisi in disordini nel Penitenziario agricolo di Boa Vista. Si...
  • Breve dialogo con un sostenitore del “sì”

    Sostenitore del “SI'”: “Io penso che se vincerà il Sì Renzi avrebbe la possibilità di battere i pugni in Europa per una maggiore flessibilità sul pareggio di bilancio…”. Sostenitore del NO: “Battere i pugni in Europa? Veramente è Bruxelles che batte i pugni sui tavoli del governo quando non...
#iorestoacasa

Dubbi sul Coronavirus? Ecco domande e risposte dal sito dedicato dal Ministero della Salute