Francesco

  • Mattarella, il Papa e il “terzo discorso” che (ancora) non c’è

    Tra tutti, quello del Presidente della Repubblica è il discorso più equilibrato, un appello all’Unione Europea che si sta sfasciando sotto i colpi del Coronavirus, frammentata in tanti particolarismi nazionali segnati dal motto: “Io penso per me e per gli altri se ce n’è!“, priva di una gestione veramente...
  • Il Papa è Papa, che volete che vi dica sull’aborto…!?

    Il nuovo “papa buono” vi ha deluso dichiarando che abortire è come fare opera di killeraggio? Me ne dispiaccio assai, però, il papa è il papa: “Che ha da esse?” avrebbe detto un Nino Manfredi cardinale un po’ ribelle in qualche film anticlericale di Gigi Magni. E’ naturale, perché...
  • Quell’ “eretico” di Francesco

    I cattolici cosiddetti “pro life” (per la vita) sono favorevoli all’accanimento terapeutico? Parrebbe di sì, visto che danno dell’ “eretico” a papa Francesco che ha avuto la colpa di affermare che, insomma, una certa sensibilità verso la sofferenza bisogna averla e che, quindi, il malato può scegliere se accettare...
  • La presunta banalità della stupidità

    12.000 chilometri di alvei di fiumi e torrenti italiani intrappolati nel cemento. Uno dei motivi dei disastri attribuiti genericamente all’ambiente sta in queste “opere” umane. Siamo tutti concordi sui cambiamenti climatici, ma anche questi non avvengono per volontà di un qualche dio ma, come ha detto il papa sul...
  • Il papa della “pace sociale”

    Francesco mi è simpatico. Molto. E’ uno spontaneista: per lui il contatto con il popolo è la chiave che apre tutte le porte alla comprensione del suo ministero e, quindi, torna ormai da anni ad avvicinare alla gente una Chiesa che se ne era allontanata con le elucubrazioni teologicamente...
  • La velocità dell’informazione e la libertà di espressione

    Ci ha reso passivi la velocità. Di tutto. Ma particolarmente quella dell’informazione. E questa passività è diventata l’acquisizione, solamente in parte spontanea, di un numero di notizie che sono così innumerevoli da essere impercettibili nell’insieme. Diventano un caleidoscopio di confusione e, quindi, di pressapochismo. Scorrendo le prime pagine dei...
  • Il “ministro” di dio

    In tutta l’ipocrisia regnante nelle visite dei capi di Stato ad altri capi di Stato, spicca la genuina spontaneità del papa. Francesco, che è persona estremamente intelligente sul piano teologico quanto sul piano politico, ha digrignato il viso quando ha incontrato Trump. Pochi sorrisi, dunque, cordialità di prammatica e,...
  • Parole semplici

    Parole semplici. Sono quelle che la sinistra deve recuperare per ritornare a connettersi con le persone semplici, quei milioni di proletari smarriti che non percepiscono il bisogno della sinistra stessa. Parole semplici come quelle di Francesco che ieri ha riunito con la sua presenza milioni di persone Milano, Monza...
  • Prudentia ecclesiae

    Il Papa non giudica. E’ un sovrano, un capo di stato, il rappresentante di Cristo sulla terra, ma non giudica. Non giudica almeno Trump. Per il resto, spesso e volentieri, giudica. Se farà “soffrire i poveri”, promette il pontefice, allora si esprimerà. La prudenza, del resto, è una virtù ben...
  • Par condicio per le confessioni religiose

    Par condicio luterana. Dopo l’incontro di Lund, in Svezia, tra il Papa di Roma Francesco e il presidente della Federazione luterana mondiale, il palestinese Munib Younan, sarebbe ora che si applicassero le disposizioni generali sul pluralismo anche alla rappresentazione delle differenti confessioni religiose. Al momento lo spettro delle opportunità...
  • Il papa perdona, noi no

    Non possiamo perdonare. Almeno io non posso, pur essendo nato trent’anni dopo la seconda guerra mondiale e non aver assistito in prima persona all’orrore del conflitto provocato dalle dittature totalitarie nazifasciste. Comprendo benissimo che il papa debba pronunciare la parola del perdono e la riferisca a dio e che...
  • E’ anche una guerra di religione

    Sostenere che quella in corso non è anche una guerra di religione sarebbe come negare la storia, dalle Crociate in poi, e abiurare i testi sacri delle religioni monoteiste. Certo il papa fa il suo mestiere e usa la religione per predicare la pace. Del resto non c’è dubbio...
  • La morale cattolica sulla famiglia si può superare

    Il papa fa il papa, si sa, e quindi anche dal più “progressista” pontefice scelto dallo “santo spirito” divino non ci si può attendere il capovolgimento delle millenarie dottrine che la Chiesa cattolica ha creato sulla base dell’interpretazione di quattro racconti delle vicende che accaddero in Palestina 2016 anni...
  • Francesco e le famiglie “erranti”

    Quando fa il politico, Francesco dà molte più soddisfazioni rispetto a quando fa il papa. Da politico, da sovrano assoluto dello Stato della Città del Vaticano, ha intrapreso un cammino di modernizzazione delle strutture burocratiche interne, ha, seppur tra qualche scandalo, creato una commissione di riforma per lo Ior...
#iorestoacasa

Dubbi sul Coronavirus? Ecco domande e risposte dal sito dedicato dal Ministero della Salute