Surreale Deneuve

Un conto è la libertà di sedurre ed essere sedotti, un altro conto è invece la “libertà di importunare”. E’ una contraddizione in termini quest’ultima: come può esservi della...
Catherine Deneuve

Un conto è la libertà di sedurre ed essere sedotti, un altro conto è invece la “libertà di importunare”. E’ una contraddizione in termini quest’ultima: come può esservi della libertà in un gesto, una azione che reca disagio, fastidio ad un’altra persona che non siamo noi?
Siccome è impossibile importunare sé stessi, è ovvio che si invade la sfera privata, sia essa sentimentale sia invece propriamente come area fisica del nostro corpo quando si importuna una persona.
Per questo ho trovato surreale la lettera di Catherine Deneuve, perché possono anche esservi dei neopuritani e degli eccessi di zelo anche in chi difende i diritti tanto delle donne quanto degli uomini; ma non può esservi, di contro, un eccesso di altrettanto zelo nel concedere un margine così ampio di presunta libertà laddove la libertà viene a negarsi automaticamente con parole e con azioni che recano una violenza anche solo percepita, non per forza materiale.
Meglio meno, ma meglio. Per essere sintetici…

(m.s.)

foto tratta da Pixabay

categorie
Lo stiletto





passa a…



altri articoli

  • Ceti scolastici

    Sbalorditiva la notizia di una scuola pubblica romana dove, nella presentazione della medesima, si dividono per “classi sociali” gli alunni nei due plessi che la compongono. Da una parte...
  • Mattone e vetro

    Volevo commentare: “Il governo ha salvato l’Italia“. Poi mi sono detto: “Tu guarda se tocca essere salvati ogni volta da quelli che sostengono chi ci accoltella alle spalle ogni...
  • Cordogli

    Tra Italo Moretti e Giampaolo Pansa, il mio cordoglio va ad un giornalista che non ha mai adoperato nessun revisionismo dei fatti per fare attualità o per fare cronaca....
  • Germanico

    No, nessun console romano risorto da qualche tempio sotto gli strati del tempo delle vie di Roma. E’ soltanto la nuova legge elettorale, questa volta proporzionale, che viene chiamata...