Smeriglio: «Centrosinistra, serve un Pisapia per ricostruire dalle macerie»

Il vicepresidente della Regione Lazio. L'esponente di Campo progressista: se il governo cambia priorità i numeri possono crescere. Se tornano i Cie invece siamo lontanissimi. Un indagato è sempre un presunto innocente. Anche se si chiama Lotti

O faccio «un  centrosinistra vincente  o mi arrendo», annuncia l’ex sindaco di Milano Giuliano Pisapia alla vigilia del lancio del suo Campo progressista, domani mattina a Roma al Teatro Brancaccio. Dove accoglierà i fuoriuscitidi Sinistra italiana di Massimiliano Smeriglio, vicepresidente della Regione Lazio e braccio destro di Nicola Zingaretti, altro fan della coalizione.

Per Pisapia dopo le scissioni c’è il ritorno all’unità. Vi siete scissi per poi riunirvi? Con il Pd o con le sinistre che avete appena lasciato?
Con chi sarà d’accordo con una nuova agenda sociale. C’è bisogno di discontinuità. Bisogna ridare senso alla parola sinistra. Parto dalla mia esperienza amministrativa, nel Lazio. Il bando per medici non obiettori è una cosa di sinistra che si può fare, e che abbiamo fatto. Abbiamo ampliato il diritto allo studio con il reddito per il cittadino in formazione. Vanno fatte cose di sinistra. Come abolire i voucher, cambiare la buona scuola e il jobs act. O il reddito minimo, di cui in Regione lanciamo una sperimentazione che anche il ministro De Vincenti definisce interessante.

Crede che il premier Gentiloni, così vicino a Renzi, farà qualcuno di questi provvedimenti?
Se mettessero in fila ius soli, testamento biologico e una discussione vera sul reddito minimo, io discuterei con chiunque.

Voi ex Sel eravate all’opposizione. Ora fate gruppo parlamentare con gli ex Pd. Ma la pensate diversamente: sul decreto Minniti, per esempio.
La maggioranza di governo ha gli stessi numeri di prima. Se il governo cambierà priorità i numeri potranno persino crescere. Se invece il futuro del governo dei flussi migratori sono i Cie invece siamo lontanissimi. Il gruppo è fondamentale per partire, ma serve un movimento territoriale capace di richiamare in servizio le migliori esperienze della sinistra che ha abbandonato il campo per stanchezza e delusione. Dobbiamo ripartire dai luoghi della sofferenza sociale. E da quelli dell’innovazione. Il riformismo radicale non è un pranzo di gala e neanche la mozione della nostalgia. In questo nuovo inizio ci sono i padri nobili , come Bersani D’Alema Errani, e sul territorio un gruppo dirigente pronto ad assumersi responsabilità.

In parlamento se non fosse per Forza italia, finireste per mandare a casa il ministro Lotti?
È un passaggio difficile, rispetto le decisioni che il nostro gruppo prenderà. Ma i processi devono svolgersi nei tribunali. Per me un indagato è sempre un presunto innocente. Anche quando si chiama Luca Lotti.

…continua a leggere su il manifesto.it…

DANIELA PREZIOSI

da il manifesto.it

foto tratta da Pixabay

categorie
Dibattiti





passa a…



altri articoli