Se li lasciaste passare…

Dunque i buoni sono dentro la “Leopolda” e i cattivi sono fuori. Sempre il solito copione. Provate a non fermarli quei ragazzi che protestano, secondo il diritto costituzionale che...

Dunque i buoni sono dentro la “Leopolda” e i cattivi sono fuori.
Sempre il solito copione.
Provate a non fermarli quei ragazzi che protestano, secondo il diritto costituzionale che ancora è tale.
Provate a non mettere nessuno in assetto di guerra davanti a loro, lasciateli arrivare fin dove si svolge la manifestazione del governo per un futuro che sarebbe adesso.
Probabilmente non ci sarebbero scontri e feriti, non ci sarebbero i fumi dei lacrimogeni e la rabbia esasperata sarebbe più contenuta.
Ma è questo che vi impressiona? La rabbia della violenza dei nuovi schiavi pagati in voucher?
E’ questo che vi fa dire: “Oh, i soliti anarchici spaccatutto!”?
Che differenza c’è tra ciò che accade a Firenze oggi e ciò che accadeva davanti alla Bussola quaranta anni fa?
Nessuna.
Chi protegge i privilegi dei ricchi è a sua volta protetto.
Chi li contesta viene manganellato ed etichettato come “violento”.
Tutto sta ad intendersi su cosa sia veramente la violenza e su chi la eserciti.
Il mio Paese è fuori dalla Leopolda. I miei estranei vi sono dentro.

(m.s.)

foto tratta da Pixabay

categorie
Lo stiletto





passa a…



altri articoli

  • E’ banale ma va detto

    Non bisogna esultare troppo. Il “capitano” ha molte risorse e molte capacità di “rivoltare la frittata” evocata da Luigi Di Maio. Dipende chi prende in mano per primo il...
  • Tempi non diversi

    150 migranti dispersi, probabilmente tutti morti nelle acque del Mediterraneo. Italiani scrivono sui social: “Potevano stare a casa loro. Buon appetito ai pesci“. Un po’ come scrivere “Il lavoro...
  • TAVolta

    TAVolta capita di sbagliarsi. TAVolta capita di battersi per una vita per una causa, poi andare al governo e scoprire che quel potere che si voleva si ritorce contro...
  • Resistere ancora

    “Resistere, resistere, resistere“, aveva detto Francesco Saverio Borrelli in tempi in cui attorno alla magistratura la politica faceva il deserto e il cosiddetto “popolo” provava invece a trovare una...