Se li lasciaste passare…

Dunque i buoni sono dentro la “Leopolda” e i cattivi sono fuori. Sempre il solito copione. Provate a non fermarli quei ragazzi che protestano, secondo il diritto costituzionale che...

Dunque i buoni sono dentro la “Leopolda” e i cattivi sono fuori.
Sempre il solito copione.
Provate a non fermarli quei ragazzi che protestano, secondo il diritto costituzionale che ancora è tale.
Provate a non mettere nessuno in assetto di guerra davanti a loro, lasciateli arrivare fin dove si svolge la manifestazione del governo per un futuro che sarebbe adesso.
Probabilmente non ci sarebbero scontri e feriti, non ci sarebbero i fumi dei lacrimogeni e la rabbia esasperata sarebbe più contenuta.
Ma è questo che vi impressiona? La rabbia della violenza dei nuovi schiavi pagati in voucher?
E’ questo che vi fa dire: “Oh, i soliti anarchici spaccatutto!”?
Che differenza c’è tra ciò che accade a Firenze oggi e ciò che accadeva davanti alla Bussola quaranta anni fa?
Nessuna.
Chi protegge i privilegi dei ricchi è a sua volta protetto.
Chi li contesta viene manganellato ed etichettato come “violento”.
Tutto sta ad intendersi su cosa sia veramente la violenza e su chi la eserciti.
Il mio Paese è fuori dalla Leopolda. I miei estranei vi sono dentro.

(m.s.)

foto tratta da Pixabay

categorie
Lo stiletto





passa a…



altri articoli

  • Avanzamento

    Più avanzo nel tempo, più apprendo la brutalità del capitalismo, meno penso di poter essere accondiscendente anche nelle forme più banali degli accordi elettorali per scongiurare il “meno peggio”...
  • A proposito di nazismo

    Ai negazionisti delll’Olocausto, del Porrajmos e dei tanti stermini perpetrati dal Terzo Reich e dai fascismi di ogni modello, va ricordato prima di tutto che furono gli stessi nazisti...
  • Presa di coscienza

    Quando avevo vent’anni mi dicevano: “O sei comunista alla tua età o non lo sarai mai più.”. Pensavo fosse una esagerazione. Tutt’ora lo penso anche se con qualche dubbio,...
  • Nati ieri?

    Se parliamo di cambiamento minimale, quindi modificazione riformatrice di determinate politiche, è evidente che la risposta non può arrivare dalle piazze piene ma dai “giochi” di palazzo, anche intesi...