Rojava, «chiuso» per tradimento americano

Terrore turco. In poche parole una parte del Rojava si prepara a diventare la nuova «casa» dei jihadisti dell’Isis, di Al Qaida e di altri gruppi estremisti che in questi anni, di volta in volta, si sono alleati anche con la Turchia. L’obiettivo di Erdogan è creare un «Muro» jihadista e integralista che si oppone ai curdi e possa essere poi manovrato anche per insidiare la rioccupazione di territori da parte di Assad
Recep Tayyip Erdoğan, presidente della Turchia

Con l’attacco della Turchia alla Siria è ufficiale: abbiamo venduto la pelle dei curdi che gli americani avevano usato come maggiore alleato contro il Califfato. In fondo si poteva immaginare quando entrai a Kobane il primo ottobre del 2014 e la città era in mano per il 70% ai jihadisti: l’aviazione Usa dava un sostegno minimo alla resistenza per non inimicarsi la Turchia, secondo esercito della Nato e alleata dell’Isis con cui sperava di abbattere Assad, prendersi la regione di Aleppo in Siria e magari pure Mosul con il suo petrolio in Iraq. Insomma quello che Ataturk aveva dovuto cedere con la disgregazione dell’impero ottomano.

Con la sconfitta dell’Isis, a opera anche dei siriani, delle milizie sciite, degli iraniani e degli Hezbollah libanesi, Erdogan ha dovuto ridimensionare i suoi piani di Sultano del Medio Oriente e questa è la ricompensa per farlo tornare nell’alveo della Nato.

Tutto questo dopo avere stretto amicizia con Putin ma anche con Teheran: la pelle dei curdi e il Rojava, l’unico esperimento di governo della regione che ricordi uno stato laico europeo.

Il cartello del Rojava, «fabbrica democratica» al confine turco-siriano adesso dice: «Chiuso per tradimento americano».

Persino i repubblicani, che dovrebbero salvare il presidente dall’impeachment, chiedono a Trump di tornare sulla decisione di ritirare le truppe americane che avrebbero dovuto fare da diaframma tra turchi e curdi in questa «safe zone», zona sicura che è diventata un nuovo campo di battaglia di una «guerra mondiale a pezzi», come la definì il Papa.

Ma il Rojava rischia di trasformarsi in una trappola dalle conseguenze imprevedibili.  Per Trump che ha tradito un alleato e ha dato un ulteriore colpo alla sua assai residua credibilità e a quella degli Stati uniti. Già nel dicembre scorso il presidente aveva gettato nel panico gli alleati degli Stati uniti dopo il suo annuncio di voler ritirare i 2mila soldati, giustificato dal fatto di avere sconfitto lo Stato islamico. Se il Rojava si disgrega potrebbero essere liberati dai turchi o fuggire migliaia di combattenti dell’Isis in mano ai curdi.

Non solo. Erdogan dice di volere trasferire qui una parte dei suoi tre milioni di profughi siriani.

È una possibilità che viene però accompagnata da una certezza: il leader turco schiererà in Siria le milizie filo-turche islamiste e magari pure i jihadisti che si dovessero ritirare di Idlib quando verrà presa dalle forze siriane e russe.

In poche parole una parte del Rojava si prepara a diventare la nuova «casa» dei jihadisti dell’Isis, di Al Qaida e di altri gruppi estremisti che in questi anni, di volta in volta, si sono alleati anche con la Turchia. L’obiettivo di Erdogan è creare un «Muro» jihadista e integralista che si oppone ai curdi e possa essere poi manovrato anche per insidiare la rioccupazione di territori da parte di Assad.

Tanto è vero che l’Isis ieri rivendicava attacchi alle milizie curde, un segnale inequivocabile che la Turchia, nonostante le dichiarazioni ufficiali, non ha abbandonato l’idea di creare sacche di territorio siriano in mano agli integralisti.

Questo scenario per niente improbabile la dice lunga sulle mosse sconsiderate della Casa bianca che sta berciando su possibili ritorsioni economiche e politiche contro Ankara, «nel caso superasse i limiti», ben sapendo di avere dato il via libera a Erdogan.

Se l’obiettivo strategico è far tornare la Turchia nell’ambito Nato si tratta di dichiarazioni prive di consistenza. Ma vediamo come e per chi potrebbe scattare ulteriormente la trappola del Rojava. Russia e Iran teoricamente potrebbero avvantaggiarsi: i curdi lasciati senza protezione Usa sarebbero spinti gettarsi nella braccia di Putin e degli ayatollah. Ma anche Mosca e Teheran devono essere prudenti perché Ankara è il partner per la sistemazione della Siria e deve contribuire, ritirando le milizie filo-turche, alla liberazione Idlib, che oggi per il regime di Damasco è più strategica del Rojava.

Mosca, pur criticando come l’Iran la mossa della Turchia, con la crisi siriana ha portato Erdogan dalla sua parte vendendogli persino il sistema anti-missilistico S-400: risultati cui Putin non vorrebbe rinunciare per difendere i curdi. Certo l’offensiva turca, impegnando le milizie curde, offre ad Assad l’opportunità di muovere le truppe a Est dell’Eufrate e non è da escludere che temporaneamente Damasco si trasformi in alleato dei curdi.
Ma anche questo potrebbe non piacere a Mosca che dovrebbe giostrare in bilico tra Ankara e Damasco.

Quanto all’Europa è solo una linea sotto Trump quanto a ipocrisia. Si esaltano i curdi come combattenti per la libertà ma la Germania è andata ad Ankara promettendo a Erdogan altri soldi dell’Unione per bloccare la rotta balcanica dei profughi e accettando di fatto l’invasione del Rojava «per il ritorno dei rifugiati siriani».

Quanto all’Italia qui è meglio che stiano zitti: il paese è colonizzato, come testimonia l’arrivo a Roma di Gina «la sanguinaria»: il capo della Cia, Gina Haspel, è venuta a dare una mano a «Giuseppi» che in agosto qualche guaio con gli uomini di Trump deve averlo combinato. «Sopire e troncare, troncare e sopire»: il Conte Giuseppe ormai somiglia al manzoniano Conte Zio.

ALBERTO NEGRI

da il manifesto.it

categorie
EsteriGuerre e paceMedio OrienteSiria e LibanoTurchia e Kurdistan





passa a…



altri articoli