Ritorno all’inferno

I migranti fuggono dalla Libia e ora li riportiamo in Libia? Nei “porti sicuri” che non esistono laddove vi sono guerra e due governi che si fronteggiano insieme a...

I migranti fuggono dalla Libia e ora li riportiamo in Libia? Nei “porti sicuri” che non esistono laddove vi sono guerra e due governi che si fronteggiano insieme a bande e jihadisti dell’Isis sparsi per lo “scatolone di sabbia” di giolittiana memoria?

Che avreste detto se, dopo aver salvato mille ebrei dai campi di sterminio, Perlasca o Schindler li avessero riportati nei “porti sicuri” del Terzo Reich o del Protettorato di Boemia e Moravia?

Fatti i dovuti distinguo, le analogie sono spaventosamente attuali. E il dramma è proprio questo: una grande inumanità al potere (che di per sé è sempre molto poco avvezzo ad essere umano) e tutto intorno un esplicito consenso o un tacito menefreghismo.

La desolazione dei diritti ingoiata dal riconoscimento esclusivo dei doveri.

Ma la rassegnazione non può essere un atteggiamento politico, morale, sociale e civile da adottare: vorrebbe dire entrare a far parte di una delle due dannate categorie di cui sopra. Chi si spella le mani ad applaudire il ministro dell’Interno e chi fa spallucce.

E’ un brutto “grande mondo e terribile”, ma tocca pur viverlo: resistendo e rimanendo #ostinatamenteumani

(m.s.)

foto tratta da Pixabay

categorie
Lo stiletto





passa a…



altri articoli

  • Al livello delle palle

    Crea molta tristezza vedere undici giocatori di calcio fare il saluto militare. Solidarietà ad Erdogan? Per cosa? Per una aggressione ad un popolo che ha tutto il diritto di...
  • Cari avversari vicini e lontani…

    Tutto il mondo della politica di palazzo si sta allontanando da noi comunisti. Lo reputo positivo perché tornano a rimarcarsi le necessarie e oggettive differenze tra chi esprime una...
  • Il Paese che non esiste

    Il paese che non esiste sta per essere invaso dalle truppe della Turchia. Non c’è pace per i curdi e per il Kurdistan. Le repressioni turche, iraniane, siriane e...
  • Serie “il governo sociale” / 3

    Prima scena Il governo che ci ha “salvato” da Salvini è pronto a mortificare il Parlamento con una riforma nuovamente eversiva che riduce anche la voce dei territori nelle...