Rischio di impresa e di povertà

Grazie ai lavoratori il fatturato delle industrie balza in avanti del 5,1% rispetto a pochi mesi fa. Un dato alto, mai così alto dal 2011, frutto della circolazione delle...

Grazie ai lavoratori il fatturato delle industrie balza in avanti del 5,1% rispetto a pochi mesi fa. Un dato alto, mai così alto dal 2011, frutto della circolazione delle merci, della globalizzazione.
Ma la crisi economica esiste tutt’ora ed è la principale responsabile del ritorno a condizioni schiavistiche in molti settori lavorativi.
La domanda allora è questa: esiste davvero il “rischio di impresa”?
Esiste, indubbiamente, ma è certamente differente per impatto e per condizionamento degli stili di vita rispetto al rischio di povertà che invece è dilagante.
Si può dire, in tutta evidenza, che il rischio di impresa è inversamente proporzionale al rischio di licenziamento di massa. Basta studiare la vicenda dell’Embraco per rendersi conto che la lotta di classe esiste e che viene portata avanti dai padroni con mezzi spietati come le delocalizzazioni selvagge, senza tenere in conto gli assetti di un più vasto mondo economico nazionale.
Ma si sa, i cosiddetti “imprenditori” hanno a cuore le sorti del Paese e della collettività soltanto se sono funzionali, quindi subordinate, alla crescita esponenziale dei loro profitti. Tutto per il mercato, niente per il benessere comune.
Per questo la questione del “potere” torna ad essere centrale, perché è questione di classe.
#poterealpopolo

(m.s.)

foto tratta da Pixabay

categorie
Lo stiletto





passa a…



altri articoli

  • 1 su 5 (e non sono ovetti Kinder)

    Viste le meravigliose sorti e progressive dell’economia mondiale, europea ed italiana, al momento fonti non bolsceviche, ma facenti riferimento a serie riviste online che hanno studiato dati su dati,...
  • I fuorilegge

    Un deputato del partito che ha la fiamma tricolore nel simbolo, diretta erede del neofascista MSI (se ne facciano pure vanto), a sua volta diretto erede (o quasi…) del...
  • L’unica svastica bella…

    Le scritte antisemite, neonaziste, vergate con croci celtiche e insulti alle vittime dell’Olocausto, si moltiplicano nel Paese. Dalle porte delle case dei deportati fino alle mura delle scuole: accanto...
  • Per ora, forza Bernie!

    Non ho simpatie per il Partito democratico italiano. Figuriamoci se ne ho per quello americano che è un rassemblemant di posizioni e interessi che vanno da pallidi intenti socialdemocratici...