Ricordatevi di disobbedire

Non mi va festeggiare un 8 marzo che è svilito dalla merceologia, dalle vendita delle mimose, dai cuoricini rossi dedicati dai maschi alle femmine, dagli uomini alle donne, da...

Non mi va festeggiare un 8 marzo che è svilito dalla merceologia, dalle vendita delle mimose, dai cuoricini rossi dedicati dai maschi alle femmine, dagli uomini alle donne, da donne a donne.
Non mi va festeggiare una festa che è un simbolo di rivendicazione di diritti civili e sociali solo per pochi, mentre per molti è solo il pretesto per festeggiare al ristorante per rispettare una cosa orrenda come la “tradizione”.
Per questo penso che il miglior modo per ricordare che voi maschi picchiate, sfruttate e sottomettete le “vostre” donne sia quello di riascoltare le parole di questa canzone di Ermal Meta:



“Ricorda di disobbedire”, ragazza, donna, anziana.
Ricordatevi di ribellarvi sempre alla violenza, alla sopraffazione, anche solamente verbale.
Chi vi insulta, chi vi picchia non ama. Possiede.
E la possessione va oltre il semplice maschilismo, il patriarcalismo, è un fenomeno disumano, alienante: è, in fondo, il principio della proprietà privata che sta alla base della società in cui continuiamo a vivere e a disobbedire.

(m.s.)

foto tratta da Pixabay

categorie
Lo stiletto





passa a…



altri articoli

  • Belle fritte…

    Ho letto, in merito alla manifestazione romana delle sardine (prevista per sabato 14 dicembre) un articolo sul sito di Mentana (non certo ostile alle “sardine“). Certamente si tratta di...
  • Avanzamento

    Più avanzo nel tempo, più apprendo la brutalità del capitalismo, meno penso di poter essere accondiscendente anche nelle forme più banali degli accordi elettorali per scongiurare il “meno peggio”...
  • A proposito di nazismo

    Ai negazionisti delll’Olocausto, del Porrajmos e dei tanti stermini perpetrati dal Terzo Reich e dai fascismi di ogni modello, va ricordato prima di tutto che furono gli stessi nazisti...
  • Presa di coscienza

    Quando avevo vent’anni mi dicevano: “O sei comunista alla tua età o non lo sarai mai più.”. Pensavo fosse una esagerazione. Tutt’ora lo penso anche se con qualche dubbio,...