Punti interrogativi

Finalmente i padroni hanno avuto un sussulto: si sono riuniti loro, quelli che “danno lavoro” a 13.000.000 di persone… Nel nome dello sviluppo, del benessere del Paese, reclamano il...

Finalmente i padroni hanno avuto un sussulto: si sono riuniti loro, quelli che “danno lavoro” a 13.000.000 di persone…
Nel nome dello sviluppo, del benessere del Paese, reclamano il SI’ alle grandi opere. Una pagina pubblicitaria oggi li riassume tutti: da Nord a Sud dello Stivale. Dai gasdotti al Terzo valico, dalla Tav al ponte sullo Stretto di Messina. Una grande Italia fatta di grandi opere, di un impulso verso la modernizzazione che nemmeno ai tempi dei Cesari si era immaginato.
Nel nome del bene comune. O del profitto privato?
Io l’interrogativo lo toglierei subito, ma so che molti di voi hanno dei dubbi e pensano che costoro agiscano magari, un tantino, per il bene comune…
Ecco a cosa serve la lotta di classe: a togliere tanti punti interrogativi.

(m.s.)

foto tratta da Pixabay

categorie
Lo stiletto
nessun commento

lascia un commento

*

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.









altri articoli

  • Clima natalizio

    “Tu scendi dalle stelle…”, magari già si cantava alla recita scolastica. Ma il posto per fare le foto o il filmino non è proprio quello ottimale. Meglio quello della...
  • Rosa e celeste

    Succede. Un bimbo si fa la pipì addosso a scuola. Alcune volte me la sono fatta anche io alle elementari. Cesarina, una bidella – mamma – zia – nonna...
  • Nel nome di Antonio

    Su un giornale stamane ho letto: “Era un eroe”. Odio la retorica del piagnisteo che ogni volta si insinua tra le pieghe del dolore vero. La retorica dei mezzi...
  • Disco e Love boat

    I parlamentari ballano in discoteca. Del resto siamo sotto le feste, ci si deve divertire. Un po’ di spensieratezza mentre l’Europa riporta a miti consigli il governo italiano sul...