Potere al popolo, nel voto online vince de Magistris

Potere al popolo fa un passo avanti verso la partecipazione alle europee. Sabato si è chiuso il secondo tempo delle consultazioni tra gli iscritti alla piattaforma internet: 15 giorni...

Potere al popolo fa un passo avanti verso la partecipazione alle europee. Sabato si è chiuso il secondo tempo delle consultazioni tra gli iscritti alla piattaforma internet: 15 giorni fa non si era raggiunta la maggioranza qualificata, lo scorso week end in 2.030 sono tornati a votare ed è bastata la maggioranza semplice per decidere, con il 53%, «di andare in alleanza insieme alle altre forze che condividono i nostri contenuti, anche senza il simbolo di Pap». Sul secondo gradino, con il 43%, l’opzione «andare da soli». Sui compagni di viaggio: il 70% ha scelto «de Magistris e le forze politiche che accettano i nostri contenuti». La proposta «Pap deve partecipare alle elezioni insieme al Pci, che concorda con i nostri contenuti» ha raccolto solo il 20%. Chiusa la prima fase, resta da costruire la convergenza tra forze molto differenti.

Il sindaco di Napoli, Luigi de Magistris, con il suo movimento Dema sta lavorando a una proposta comune con Sinistra italiana e Rifondazione comunista (che a ottobre è uscita da Pap). Resta sul tavolo il rapporto con Diem 25 di Yanis Varoufakis, nonostante non ci sia più l’entusiasmo di un anno fa. Potere al popolo racchiude i Clash city workers con l’Ex opg Je so’ pazzo, Eurostop, Democrazia atea ed esponenti No Tav, No Tap e No Muos. Il 23 gennaio sul sito di Dema è stato pubblicato un comunicato in cui si apriva alla coalizione con Pap: «Al centro della discussione l’impegno politico e organizzativo delle due formazioni, la disamina della fase politica italiana, le relazioni che hanno caratterizzato nel tempo il dibattito politico dei due movimenti». Per concludere: «I punti pubblicati nel documento di Potere al popolo appaiono in linea con quanto stiamo anche noi proponendo per le Europee». Tra i commenti, però, si legge: «Come stanno insieme Eurostop ed European Spring di Varoufakis?».

Uno dei nodi da sciogliere è proprio il rapporto con l’Ue: Pap, in continuità con France Insoumise, «mette al centro la disobbedienza immediata e condivisa a livello comunitario ai diktat dei trattati e, laddove gli apparati dell’Ue impedissero l’effettiva realizzazione della volontà popolare, contemplano la possibilità di una rottura unilaterale». Diem 25 invece lavora a «proposte realizzabili già da ora, a trattati europei vigenti» ponendo come orizzonte il 2025 per redigere «una costituzione democratica che dovrà sostituire tutti i trattati europei in vigore».

Per costruire un terreno comune, Pap ha posto come deadline il 17 febbraio: entro quella data si verificherà se le pratiche e i contenuti porteranno davvero a un’alleanza. «Non vogliamo liste in cui dentro c’è tutto e il contrario di tutto – spiegano -. Ci vuole una visione chiara e un progetto alternativo sia al campo dell’europeismo liberista del Pd, sia a quello nazionalista liberista di Lega e 5S». Discriminanti, quindi, sono i nodi della discussione. Al primo posto Pap mette la rottura dei trattati europei: «Passaggio imprescindibile per realizzare politiche sociali e del lavoro, redistribuzione della ricchezza, recupero della sovranità popolare. I trattati non sono mai stati votati dal popolo italiano e rappresentano il vincolo che strozza le popolazioni». Segue la revisione delle spese e delle servitù militari, dell’adesione alla Nato e della collocazione internazionale dell’Italia a partire dall’opposizione «al golpe contro il governo Maduro in Venezuela». Quindi «una forte caratterizzazione sulle questioni di genere» e no a qualsiasi convergenza con il Pd anche in elezioni locali.

ADRIANA POLLICE

da il manifesto.it

foto tratta dalla pagina nazionale Facebook di Potere al popolo!

categorie
Potere al popolo!





passa a…



altri articoli