Per mare e per rotaia

Rivedo la nave che salpa. Rivedo le bandiere tricolori che sventolano. Risento inni ed elogi galanti di giornalisti e di commentatori. Poi osservo l’oggi, vedo un treno partire, vedo...

Rivedo la nave che salpa. Rivedo le bandiere tricolori che sventolano. Risento inni ed elogi galanti di giornalisti e di commentatori.
Poi osservo l’oggi, vedo un treno partire, vedo tricolori che traspaiono dai simboli elettorali. Torno a sentire inni ed elogi galanti di giornalisti e commentatori.
Ma c’è una differenza: qualcuno nelle stazioni impreca, inveisce e risponde anche male al viaggiatore sorridente che si trascina dietro zaini e borse.
Qualcuno forse ha capito che dietro ai sorrisi di circostanza e alle domande scontate c’è solo l’ennesimo tentativo di prolungare una nuova sofferenza per il Paese intero: per quello più piegato al disagio sociale, all’indigenza, ad una sopravvivenza che è soffocante quanto lo smog della valle padana.

(m.s.)

foto tratta da Pixabay

categorie
Lo stiletto

altri articoli

  • Covid all’arancia

    Arancioni fuori, neri dentro. I tratti dei “forconi” da un lato, le presenze neofasciste dall’altro. Movimenti popolari: una ventina, dicono. Uniti, federati dietro lo striscione “Politici ladroni a casa!“....
  • Porte chiuse

    Stando così le cose, un “Libro bianco” sulla diffusione dell’epidemia da Covid-19 sarà necessario. Come ai tempi del G8 di Genova. Il problema sono sempre i fatti, che hanno...
  • La soglia del “voto”

    Se solo fosse possibile mostrare con grande semplicità, con una comunicazione diretta, immediata le enormi ingiustizie che i popoli subiscono ogni giorno da parte dei potenti al servizio di...
  • Gli imbecilli oltre il capitale

    Va bene, il capitalismo tutto contiene, tutto influenza, tutto produce e condiziona. Ma l’imbecillità di chi continua a negare che il Covid-19 sia una pandemia, minimizzandola, riducendo il tutto...