Pensare, tre volte e anche di più

Ciò che è “sociale” è in realtà antisociale. Ciò che vorrebbe essere sociale viene percepito come antisociale. Ciò che è antisociale è invece la normalità. In assenza di una...

Ciò che è “sociale” è in realtà antisociale. Ciò che vorrebbe essere sociale viene percepito come antisociale. Ciò che è antisociale è invece la normalità. In assenza di una coscienza critica, viene meno la critica e viene meno la coscienza.
Il dilemma è: senza coscienza e senza critica come si crea una coscienza?
Col pensiero.
Recitava un bellissimo vecchio detto anarchico: “Se non vivi come pensi, comincia allora a pensare a come vivi”.
Pensare. E’ gratis. Sfugge ad ogni regola del mercato. Farà un po’ male a volte, ma è una grandiosa forma di ribellione singolare. Se unita a tante altre, diventa una volontà. Qualcosa di concreto.
Pensare. Pensare. Pensare.

(m.s.)

foto tratta da Pixabay

categorie
Lo stiletto

altri articoli

  • Maria Antonietta

    Briciole, brioches, pane. C’è chi darebbe le briciole che cadono dal tavolo. C’è chi, più aristocraticamente, direbbe: “Chiedono pane? Dategli le brioches!“. Poi c’è chi direbbe: “Prima gli italiani!“....
  • Contro gli speculatori

    Una certa storiografia critica verso il “Maximum“, approvato nel settembre del 1793 dalla Convenzione nazionale francese, adesso dovrebbe comprendere la necessità di quella misura in tempi che, guerre che...
  • Fabbriche e nevrosi

    Signori, si chiude! Ed è pure troppo tardi. Ma ben venga la serrata di tutte le attività produttive non strettamente necessarie alle esigenze primarie: cibo, medicine, informazione. Pare anche...
  • Siate vegani, non teste di avocado

    Bisogna cercare di non cadere mai nella banalizzazione dei concetti. Per cui affermare (come ho potuto ascoltare in radio) che “in un mondo fatto solo di vegani il Coronavirus...