Paure renziane

Erano le parole che volevo sentire da Renzi: uno spauracchio per un nuovo PDS. Peggio ancora lo spettro di una nuova “Unione” (condivido, qui, il timore renziano…). Addirittura avrei...

Erano le parole che volevo sentire da Renzi: uno spauracchio per un nuovo PDS. Peggio ancora lo spettro di una nuova “Unione” (condivido, qui, il timore renziano…). Addirittura avrei preferito lo spauracchio di vedere nuovamente “I Progressisti” di occhettiana memoria nell’immaginario dell’ex sindaco di Firenze rispetto ad una “svolta del PD”…
In tempi di tragedia e deflagrazione apocalittica della sinistra, ogni vecchio arnese del passato, un tempo giudicato riformista e deviante dalla lotta di classe, sembra quasi un oggetto prezioso trovato da un naufrago su un’isola deserta.
Un po’ come lo scarpone da pattinatore con cui Tom Hanks si cava il dente marcio: non è proprio l’arnese adatto; non è nemmeno facile infilarsi la lama in bocca; nemmeno prendere la pietra e spingere con un colpo secco la lama per estirpare il marcio che s’è impadronito del dente… Ma tocca farlo.
Questo non vuol dire che noi si debba aspirare ad un nuovo PDS. Non vi siamo entrati nel 1992, non vedo perché dovremmo farlo ora.
Ma, da comunisti che vogliono continuare a rimanere tali perché esiste un bisogno inconsapevole di comunismo, una ignorata voglia di libertà ed uguaglianza sociale e civile, dobbiamo “spingere” – come diceva Marx – per far avanzare le istanze per cui lottiamo. Ed oggi, per ritornare ad avere un ruolo politico, morale e civile nella società, tocca sperare che il PD che faccia le stesse scelte che fino ad ora ha fatto e che una parte di sinistra alla sua sinistra abbandoni le velleità di una impossibile ricostruzione del centrosinistra per fare la sinistra. Moderata. Riformista. Ma la sinistra, almeno.
Noi la nostra parte possiamo farla: da comunisti.
Non ho mai capito perché se i liberali e i liberisti non rinunciano ad essere tali, dovremmo farlo noi nel nostro essere l’opposto rispetto a loro? Chi vuol esser riformista lo sia, ma dentro una nuova alleanza di sinistra.
Serve un minimo comune denominatore che federi le diversità, che escluda le tre destre: quelle al governo e quelle di opposizione.

(m.s.)

foto tratta da Pixabay

categorie
Lo stiletto
nessun commento

lascia un commento

*

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.









altri articoli

  • La corsetta

    Una corsa per le vie di Roma con la maglietta e i pantaloncini della polizia. Una corsa e poi in Consiglio dei ministri. Una corsa e poi un messaggio...
  • Ape Maia

    A dispetto più di me stesso che della morale, mi sarebbe tanto piaciuto essere una puttana. Sarei stato molto più libero, rilassato e senza tanti pregiudizi. Forse però essere...
  • Purezza

    Menti pure. Stampa pura. Editori puri. Giornalisti puri. La purezza profuma di epurazione. La purezza di chi diceva: “Al governo solamente da soli”. Senza nessun compromesso con altri partiti....
  • Einstein oggi

    In una lettera del 1922, fino ad oggi sconosciuta, Albert Einstein prevede con largo anticipo ciò che sarebbe diventato il suo Paese, la Germania: “Qui si preparano tempi bui”,...