Olly aveva 22 anni

Davide l’ha ucciso un muletto, l’ha ucciso una retromarcia, l’ha ucciso un ribaltamento. Nessuno scampo per un giovane lavoratore di appena ventidue anni. Nessuno scampo se le tue ossa...

Davide l’ha ucciso un muletto, l’ha ucciso una retromarcia, l’ha ucciso un ribaltamento. Nessuno scampo per un giovane lavoratore di appena ventidue anni.
Nessuno scampo se le tue ossa si rompono tutte sotto il peso di un lavoro che apparentemente non è pericoloso ma che può diventarlo.
Davide lo chiamavano “Olly”. Era il suo soprannome amichevole. E ogni volta che c’è un morto di lavoro, sul lavoro, magari poco prima di una pausa, proprio come accaduto a Olly, non possiamo non scrivere: è un moto spontaneo dell’animo, una rabbia mista alla tristezza e viceversa.
Non serve a nulla scrivere, forse solo a sfogare questi sentimenti. Forse può servire a rimarcare questo stillicidio di morti non bianche ma nerissime.
Non c’è giustizia per queste morti. C’è solo l’accompagnamento che chi prova a stare dalla parte dei lavoratori può dare condividendo frustrazione e vuoto.

(m.s.)

foto tratta da Pixabay

categorie
Lo stiletto





passa a…



altri articoli

  • Per il PD siamo come i nazisti

    Nessuno più di me è diventato comunista anche mediante una feroce critica verso i regimi dell’Est che hanno deformato il comunismo e lo stesso marxismo. Ma, come non si...
  • Buon peso

    Sai quando vai al mercato, ti avvicini al banco, guardi e scegli? Poi ti rivolgi al commerciante e dici: “Ma sono buone?“. Il commerciante non ti dirà mai: “No,...
  • Si diceva

    Il PD e la scissione renziana. Un tempo si diceva: “Epurandosi il Partito si rafforza.”. Occhio… Lenin parlava di noi comunisti mica del PD… (m.s.) Stampa in PDF questo...
  • Minore e maggiore

    Permettete che oggi lo Stiletto sia dato in mano a Nino, al nostro caro Antonio Gramsci. Come tanti suoi testi, questo che segue sembra proprio scritto per una stretta,...