Non essendoci, ci sono

Diciassette anni fa a Genova si apriva una stagione di repressione ma anche di speranza. Il movimento cresciuto e nato allora, quello che voleva “un altro mondo possibile”, quello...

Diciassette anni fa a Genova si apriva una stagione di repressione ma anche di speranza. Il movimento cresciuto e nato allora, quello che voleva “un altro mondo possibile”, quello dei “social forum” si è frammentato nelle lotte, si è particolarizzato, ha perso di vista un orizzonte comune.
Ha vinto la sintesi semplicistica delle destre al momento: quella della creazione di uno o più nemici, individuati in base soltanto al colore della pelle, per distrarre i moderni proletari, gli sfruttati tutti, dai veri obiettivi di classe.
Si lotta senza unire le lotte. Si fa politica senza creare comuni denominatori fondati su visioni anche solo simili di una prospettiva futura.
La dispersione delle energie mentali e materiali è enorme. La frustrazione anche.
Ma dobbiamo ricordarci che quel movimento seppe reggere l’urto forte di un tentativo ben riuscito di colpevolizzazione di massa, di intimidimento generale. Lo seppe reggere con grande coraggio, davanti a violenze inaudite, ad una mortificazione della Costituzione mai vista prima.
Diciassette anni fa c’era un movimento che chiedeva “un altro mondo possibile”. Un mondo che oggi sembra “impossibile” costruire.
Eppure, proprio perché così sembra, vuol dire che ve ne è sempre maggiore necessità.
Per chi si è sacrificato, per chi è morto, per chi ha subito torture e violenze. Dichiararsi rassegnati sarebbe la vittoria definitiva di chi allora mise in atto la strategia della repressione e che, oggi, vorrebbe solo farci vivere di paure e di odio.
Per Carlo, per Edo, per tutte le compagne e tutti i compagni che non essendoci, ci sono.

(m.s.)

foto tratta da Wikipedia

categorie
Lo stiletto
nessun commento

lascia un commento

*

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.









altri articoli

  • Corinaldo. La colpa

    Tralascio considerazioni musicali. Pur essendo nato nel 1973, i miei dischi (o cd) sono pieni di un caleidoscopio di note così differenti tra loro da far impallidire qualunque cultore...
  • L’illusione

    La sinistra non può essere rappresentata da chi ha acconsentito fino ad oggi, silentemente o meno, a tutte le politiche liberiste fatte dal proprio partito. L’induzione all’opposizione, reduce da...
  • Sovranismo psichico

    L’ultimo ritratto fatto dall’ISTAT è impietoso: almeno per chi considera solidarietà, uguaglianza e rispetto dei diritti sociali e civili come trittico alla base di una normalissima convivenza civile dentro...
  • La barca di Minniti

    A seconda dei punti di vista, si ingarbuglia o si semplifica la sfida delle primarie per la Segreteria nazionale del PD. Marco Minniti si ritira dalla competizione. Non sembra...