Nel nome di Antonio

Su un giornale stamane ho letto: “Era un eroe”. Odio la retorica del piagnisteo che ogni volta si insinua tra le pieghe del dolore vero. La retorica dei mezzi...

Su un giornale stamane ho letto: “Era un eroe”.

Odio la retorica del piagnisteo che ogni volta si insinua tra le pieghe del dolore vero. La retorica dei mezzi di comunicazione di massa, delle televisioni e della rete, ma anche la retorica prepotente di chi al bar, sull’autobus o nella sala d’attesa del dottore dice: “Era un eroe”.

Nessuno vuole diventare eroe se non un folle accecato da una visione militarista o terrorista del mondo. Sempre di uso di armi si tratta. Sempre di caccia a qualcuno si tratta. Sempre di uccidere si tratta. Certo, ci sono i “buoni” e i “cattivi”. Ma la divisione non è poi così sempre semplice e facile da mettere in pratica.

Non dite che Antonio era un eroe. Era un giovane giornalista che nemmeno aveva compiuto 30 anni. Un criminale, nella sua lucida follia, ha incrociato i destini di entrambi con una pallottola che non ha lasciato scampo al nostro connazionale.

Non dite che Antonio era un eroe. Era un uomo che sognava, anche lui come noi, a suo modo un mondo migliore, una Europa forse un po’ diversa da quella in cui viviamo.

Non dite che era un eroe. Era un giovane che è morto a causa della crudeltà e dell’odio che quelli che aspirano a diventare “eroi” spesso perseguono.

Del resto dovrebbe essere nota la frase di Bertolt Brecht: “Beati i popoli che non hanno bisogno di eroi“. Maledetti i popoli che hanno bisogno di eserciti e nemici per dirsi tali…

(m.s.)

foto tratta da Pixabay

categorie
Lo stiletto





passa a…



altri articoli

  • Quarantena

    Per quanto riguarda il Coronavirus, vorrei dirvi che mi considero in quarantena rispetto a tutti i commenti in merito sui social. (m.s.) foto: screenshot Stampa in PDF questo articolo...
  • 1 su 5 (e non sono ovetti Kinder)

    Viste le meravigliose sorti e progressive dell’economia mondiale, europea ed italiana, al momento fonti non bolsceviche, ma facenti riferimento a serie riviste online che hanno studiato dati su dati,...
  • I fuorilegge

    Un deputato del partito che ha la fiamma tricolore nel simbolo, diretta erede del neofascista MSI (se ne facciano pure vanto), a sua volta diretto erede (o quasi…) del...
  • L’unica svastica bella…

    Le scritte antisemite, neonaziste, vergate con croci celtiche e insulti alle vittime dell’Olocausto, si moltiplicano nel Paese. Dalle porte delle case dei deportati fino alle mura delle scuole: accanto...