Migranti e muscoli

Come un tempo gli operai dovevano essere tutti vestiti di toppe e stracci, così oggi, per obbedire allo stereotipo indispensabile per frustrare la propria crudeltà (siamo oltre la rabbia...

Come un tempo gli operai dovevano essere tutti vestiti di toppe e stracci, così oggi, per obbedire allo stereotipo indispensabile per frustrare la propria crudeltà (siamo oltre la rabbia ormai…), si deve inveire contro i migranti se non sono tutti scheletrici come gli internati nei campi di sterminio nazisti.

Per ottenere un po’ di pelosa pietà da questi sovranisti e cattivisti moderni, i migranti devono venire in Italia non con un fisico gradevole alla vista, ma smunto, scarno, magari deperiti e con evidenti bruciature epidermiche provocate dal sole che li martella nelle traversate con barchini e barconi.

Devono essere così, altrimenti si rischia di mandare in tilt tutta la costruzione anti-mentale del razzista nostrano che è piena soddisfazione di un egoismo necessario senza cui questi individui non potrebbero altrimenti sopravvivere.

(m.s.)

foto: screenshot

categorie
Lo stiletto





passa a…



altri articoli

  • Avanzamento

    Più avanzo nel tempo, più apprendo la brutalità del capitalismo, meno penso di poter essere accondiscendente anche nelle forme più banali degli accordi elettorali per scongiurare il “meno peggio”...
  • A proposito di nazismo

    Ai negazionisti delll’Olocausto, del Porrajmos e dei tanti stermini perpetrati dal Terzo Reich e dai fascismi di ogni modello, va ricordato prima di tutto che furono gli stessi nazisti...
  • Presa di coscienza

    Quando avevo vent’anni mi dicevano: “O sei comunista alla tua età o non lo sarai mai più.”. Pensavo fosse una esagerazione. Tutt’ora lo penso anche se con qualche dubbio,...
  • Nati ieri?

    Se parliamo di cambiamento minimale, quindi modificazione riformatrice di determinate politiche, è evidente che la risposta non può arrivare dalle piazze piene ma dai “giochi” di palazzo, anche intesi...