Meno di 24 ore

Ci sono meno di 24 ore per promettere agli italiani aumenti di Pil, ricchezza, contratti ancora da stipulare e in fase di “promessa”. Ci sono meno di 24 ore per comunicazioni...

Ci sono meno di 24 ore per promettere agli italiani aumenti di Pil, ricchezza, contratti ancora da stipulare e in fase di “promessa”.
Ci sono meno di 24 ore per comunicazioni sulla diminuzione della disoccupazione giovanile, per annunciare la costruzione di altre casette nelle zone del terremoto.
Ci sono meno di 24 ore per aspettare l’appoggio di qualche altro vecchio padre nobile.
Insomma, l’avete tentate tutte, oltre all’occupazione sistematica delle tv.
E meno male che c’è la Costituzione che volete cancellare, altrimenti il 4 dicembre si poteva anche fare a meno di andare a votare.
Invece voteremo, grazie alla libertà che volete cancellare mettendo al centro della Repubblica il governo e un “capo”.
Voteremo NO con allegria, con la felicità di chi è dalla parte giusta, della ragione, della democrazia, della storia resistente di questo Paese.
Come mai sarebbe questa la parte giusta?
Semplice: non è quella dei ricchi, dei ricchissimi, delle banche e dei banchieri. Pertanto, la parte del NO è quella giusta.

(m.s.)

foto tratta da Pixabay

categorie
Lo stiletto

altri articoli

  • Senza pensare

    “Non preoccupatevi, stiamo organizzando gli squadroni della morte e nel giro di due giorni riportiamo la normalità… Quattro taniche di benzina e si accende il forno crematorio, così non...
  • 100 volte Franca

    Un secolo. Franca Norsa, Valeri in onore di Paul Valery, è un pezzo di cultura di una Italia che ha dimenticato la cultura. È una rappresentazione della storia di...
  • L’incongiungibile

    Terracina. Piazza “Almirante – Berlinguer“. Più che una intitolazione, è un oltraggio. Per Berlinguer, si intende. Un Paese che può permettersi una pensata simile è un Paese privo di...
  • 100 contro 520

    E’ la fine di un luglio ovviamente caldo: dalle nostre case alle caserme sequestrate, fino ai casotti, le casematte, quei centri di accoglienza che diventano l’esatto contrario del loro...