Manifesto mite

Caro “manifesto”… sei tu ad essere troppo “mite” nelle valutazioni su questo governo. Colui che oggi definisci “mite” fino a pochi giorni fa governava con la Lega e approvava...

Caro “manifesto”… sei tu ad essere troppo “mite” nelle valutazioni su questo governo.

Colui che oggi definisci “mite” fino a pochi giorni fa governava con la Lega e approvava ogni atto del ministro dell’Interno, difendendolo a spada tratta anche nei momenti più difficili come il “caso-Russia”.

La mitezza di oggi non definisce per sua natura un programma sociale di un governo. Anzi, può essere una buona maschera dietro cui nascondere future misure antipopolari e antisociali che questo esecutivo prima o poi dovrà prendere.

Caro “manifesto”, per il bene che ti abbiamo sempre voluto e ti vogliamo (e continueremo comunque ad avere) ti diciamo che o sei un “quotidiano comunista” o sei un “quotidiano mite” con un esecutivo liberista dai tratti riformisti ma pur sempre nei punti di demarcazione della compatibilità tra privilegi del mercato e bisogni degli sfruttati…

Sono lontani i tempi delle tesi “Per il comunismo”. Forse molto è cambiato. In peggio. Eppure rileggendo quelle tesi del 9 settembre 1971 pare in molte pagine di leggere l’oggi, di stare nel mezzo di una analisi quotidiana e attualissima.

Avevi visto bene, caro “manifesto”, quando criticavi il riformismo e l’istituzionalismo del PCI e dello PSIUP, pur apprezzandone la grande storia e l’impegno nella difesa della democrazia repubblicana, dei valori della Costituzione.

Non vedere male oggi, non lasciarti fuorviare dall’impero del male da un lato e dalla democrazia liberista dall’altro. Mantieni il tuo spirito critico, mantieniti – se puoi – comunista.

(m.s.)

foto: screenshot

categorie
Lo stiletto





passa a…



altri articoli

  • Cittadina

    Tutto il Paese dovrebbe esprimere solidarietà alla senatrice Segre. Ma può essere la senatrice Segre “cittadina onoraria” di oltre 8.000 comuni della Repubblica? Non sarebbe più giusto che ogni...
  • 30 anni dopo: al di qua e al di là del “muro”

    Quando un muro cade è per due motivi: l’usura del tempo lo ha fatto rovinare fino a terra, ne ha distrutto la solidità e lo ha corroso fino a...
  • La recidiva nera

    Magari non c’era Goebbels presente, visto che si è dovuto suicidare, dopo aver ucciso moglie e figli, mentre i russi entravano nel quartiere governativo di Berlino. Magari non c’erano...
  • Palle

    Uno dei capi ultras del Verona afferma che Balotelli, visto che è nero, “non potrà mai essere del tutto italiano“. Peccato non possa esserlo anche io, nero e del...