Manifesto mite

Caro “manifesto”… sei tu ad essere troppo “mite” nelle valutazioni su questo governo. Colui che oggi definisci “mite” fino a pochi giorni fa governava con la Lega e approvava...

Caro “manifesto”… sei tu ad essere troppo “mite” nelle valutazioni su questo governo.

Colui che oggi definisci “mite” fino a pochi giorni fa governava con la Lega e approvava ogni atto del ministro dell’Interno, difendendolo a spada tratta anche nei momenti più difficili come il “caso-Russia”.

La mitezza di oggi non definisce per sua natura un programma sociale di un governo. Anzi, può essere una buona maschera dietro cui nascondere future misure antipopolari e antisociali che questo esecutivo prima o poi dovrà prendere.

Caro “manifesto”, per il bene che ti abbiamo sempre voluto e ti vogliamo (e continueremo comunque ad avere) ti diciamo che o sei un “quotidiano comunista” o sei un “quotidiano mite” con un esecutivo liberista dai tratti riformisti ma pur sempre nei punti di demarcazione della compatibilità tra privilegi del mercato e bisogni degli sfruttati…

Sono lontani i tempi delle tesi “Per il comunismo”. Forse molto è cambiato. In peggio. Eppure rileggendo quelle tesi del 9 settembre 1971 pare in molte pagine di leggere l’oggi, di stare nel mezzo di una analisi quotidiana e attualissima.

Avevi visto bene, caro “manifesto”, quando criticavi il riformismo e l’istituzionalismo del PCI e dello PSIUP, pur apprezzandone la grande storia e l’impegno nella difesa della democrazia repubblicana, dei valori della Costituzione.

Non vedere male oggi, non lasciarti fuorviare dall’impero del male da un lato e dalla democrazia liberista dall’altro. Mantieni il tuo spirito critico, mantieniti – se puoi – comunista.

(m.s.)

foto: screenshot

categorie
Lo stiletto





passa a…



altri articoli

  • Se mi citofona Salvini…

    Quando ci saranno le elezioni in Liguria, se Salvini verrà a citofonare a casa mia per chiedermi se “spaccio”, gli dirò di sì. Spaccio solidarietà al posto di crudeltà...
  • Non potrete farne a meno

    21 gennaio 1921, a Livorno nasce il Partito Comunista d’Italia – Sezione della Terza Internazionale comunista. Ha quasi un secolo il comunismo italiano o, per meglio dire, quel che...
  • Ceti scolastici

    Sbalorditiva la notizia di una scuola pubblica romana dove, nella presentazione della medesima, si dividono per “classi sociali” gli alunni nei due plessi che la compongono. Da una parte...
  • Mattone e vetro

    Volevo commentare: “Il governo ha salvato l’Italia“. Poi mi sono detto: “Tu guarda se tocca essere salvati ogni volta da quelli che sostengono chi ci accoltella alle spalle ogni...