L’indignazione

Qualcuno ha detto che indignarsi non serve a niente. Qualcuno ha detto che indignarsi non basta. La bontà dell’indignazione deriva dal fatto che ci permette di misurare la nostra...

Qualcuno ha detto che indignarsi non serve a niente.
Qualcuno ha detto che indignarsi non basta.
La bontà dell’indignazione deriva dal fatto che ci permette di misurare la nostra coscienza critica, sociale e civile.
Più alta è l’indignazione nei confronti dell’ingiustizia, meno spazio di manovra avranno coloro che al governo vogliono far avanzare il crudelismo come modello etico moderno per uno sviluppo di un nazionalismo becero che nulla ha a che vedere con l’amore per la Repubblica.
Dunque, non è vero che l’indignazione non serve a niente. Serve a noi stessi e ha un valore sociale, di condivisione delle esperienze e dei dubbi, così come delle certezze del regime in cui rischiamo di vivere.
Poi è vero che non basta indignarsi.
La misura dell’insufficienza dell’indignazione, come metodo di protesta e di ribellione, è inversamente proporzionale all’effetto che ottiene in azioni concrete quando queste riescono a fermare la tracotanza e la protervia del governo.
Insomma, indignarsi non basta, ma è già un buon inizio.

(m.s.)

foto tratta da Pixabay

categorie
Lo stiletto





passa a…



altri articoli

  • Avanzamento

    Più avanzo nel tempo, più apprendo la brutalità del capitalismo, meno penso di poter essere accondiscendente anche nelle forme più banali degli accordi elettorali per scongiurare il “meno peggio”...
  • A proposito di nazismo

    Ai negazionisti delll’Olocausto, del Porrajmos e dei tanti stermini perpetrati dal Terzo Reich e dai fascismi di ogni modello, va ricordato prima di tutto che furono gli stessi nazisti...
  • Presa di coscienza

    Quando avevo vent’anni mi dicevano: “O sei comunista alla tua età o non lo sarai mai più.”. Pensavo fosse una esagerazione. Tutt’ora lo penso anche se con qualche dubbio,...
  • Nati ieri?

    Se parliamo di cambiamento minimale, quindi modificazione riformatrice di determinate politiche, è evidente che la risposta non può arrivare dalle piazze piene ma dai “giochi” di palazzo, anche intesi...