L’indignazione

Qualcuno ha detto che indignarsi non serve a niente. Qualcuno ha detto che indignarsi non basta. La bontà dell’indignazione deriva dal fatto che ci permette di misurare la nostra...

Qualcuno ha detto che indignarsi non serve a niente.
Qualcuno ha detto che indignarsi non basta.
La bontà dell’indignazione deriva dal fatto che ci permette di misurare la nostra coscienza critica, sociale e civile.
Più alta è l’indignazione nei confronti dell’ingiustizia, meno spazio di manovra avranno coloro che al governo vogliono far avanzare il crudelismo come modello etico moderno per uno sviluppo di un nazionalismo becero che nulla ha a che vedere con l’amore per la Repubblica.
Dunque, non è vero che l’indignazione non serve a niente. Serve a noi stessi e ha un valore sociale, di condivisione delle esperienze e dei dubbi, così come delle certezze del regime in cui rischiamo di vivere.
Poi è vero che non basta indignarsi.
La misura dell’insufficienza dell’indignazione, come metodo di protesta e di ribellione, è inversamente proporzionale all’effetto che ottiene in azioni concrete quando queste riescono a fermare la tracotanza e la protervia del governo.
Insomma, indignarsi non basta, ma è già un buon inizio.

(m.s.)

foto tratta da Pixabay

categorie
Lo stiletto





passa a…



altri articoli

  • Buon 25 aprile a…

    Buon 25 aprile a tutte e tutti voi che avete a cuore la libertà del singolo e della collettività. Buon 25 aprile a voi che non pensate alla libertà...
  • Disumanizzante

    Traggo spunto da una bella intervista de “il manifesto” di oggi ad Antonio Scurati, per alcune brevi riflessioni. “Il fascismo non è stato un generico «crimine contro l’umanità» ma...
  • Titolo o insulto?

    Questo è “giornalismo”? La domanda non vuole essere retorica anche se ciò potrebbe essere indotto a pensare chi, con un po’ di buon senso e un minimo di cultura...
  • Sovraidioti

    Gli italiani sovranisti plaudono al fuoco che arde e distrugge le secolari mura di un capolavoro artistico, di un luogo di culto per chi è credente, di un simbolo...