L’arte del mondiale

Lo so che sono un evento di mercato, capitalistico. Forse guardarli è borghese… Pensate che sia l’oppio dei popoli moderno. E certamente lo sono. Ma non sono l’unica droga...

Lo so che sono un evento di mercato, capitalistico. Forse guardarli è borghese…
Pensate che sia l’oppio dei popoli moderno. E certamente lo sono. Ma non sono l’unica droga anestetizzante le coscienze.
Ma se si guardano con con distacco critico, con la voglia di vedere delle belle prodezze sul campo, i mondiali di calcio sono uno spettacolo davvero affascinante.
Lo dico da profano della materia, da inconoscitore della maggioranza delle regole e dei nomi dei giocatori.
Lo dico con la consapevolezza dello spettatore che sa comunque riconoscere nella tripletta di goals che Ronaldo ha regalato al Portogallo ieri una bellezza artistica. Come se si fosse davanti ad un quadro di Picasso, di Rembrandt… o ad una scultura di Michelangelo.
Quando il calcio sublima sé stesso così, diventa arte. Ed è veramente una gioia vedere la palla entrare nella rete!

(m.s.)

foto tratta da Pixabay

categorie
Lo stiletto





passa a…



altri articoli

  • Buon 25 aprile a…

    Buon 25 aprile a tutte e tutti voi che avete a cuore la libertà del singolo e della collettività. Buon 25 aprile a voi che non pensate alla libertà...
  • Disumanizzante

    Traggo spunto da una bella intervista de “il manifesto” di oggi ad Antonio Scurati, per alcune brevi riflessioni. “Il fascismo non è stato un generico «crimine contro l’umanità» ma...
  • Titolo o insulto?

    Questo è “giornalismo”? La domanda non vuole essere retorica anche se ciò potrebbe essere indotto a pensare chi, con un po’ di buon senso e un minimo di cultura...
  • Sovraidioti

    Gli italiani sovranisti plaudono al fuoco che arde e distrugge le secolari mura di un capolavoro artistico, di un luogo di culto per chi è credente, di un simbolo...