L’abbandono alla o della rassegnazione

Attacchi e attacchi: da Parigi a Londra e viceversa. Giorno dopo giorno. L’odio nasce dalla paura e la paura nasce dalla mancata conoscenza di complessi fenomeni umani che si...

Attacchi e attacchi: da Parigi a Londra e viceversa. Giorno dopo giorno. L’odio nasce dalla paura e la paura nasce dalla mancata conoscenza di complessi fenomeni umani che si intrecciano ogni giorno intrisi di interessi economici, politici e con finalità anche religiose come specchietto per le allodole di altri continenti che vogliono mettere le mani su grandi giacimenti di petrolio, culle dell’arte e grandi gasdotti.
La morte arriva soltanto per gli spettatori di un grande e terribile mondo (come lo avrebbe descritto Gramsci) dove i registi sono sempre gli stessi. Architetti del pregiudizio e del razzismo, del sospetto, dell’essere guardinghi e dell’individuazione del pericolo nel simile a noi: in chi è in stato di sopravvivenza come noi.
Per questo occorre cambiare punto di vista: sociale, politico, economico. Le democrazie d’un tempo stanno crollando sotto il peso di una genericità che è fascistizzazione delle opinioni, indistinguibilità delle idee e quindi anche dei fatti e sui fatti da comprendere.
Si preferiscono i colori intermedi e non le tinte chiaramente identificabili come tali. E’ la solita tiritera della “morte delle ideologie” e del trionfo del mercato, del capitalismo, della sua forma moderna di imperialismo.
Il gioco è semplice da capire. Ma la volontà per accingersi alla comprensione la si recupera soltanto se si abbandona la rassegnazione.

(m.s.)

foto tratta da Pixabay

categorie
Lo stiletto

altri articoli

  • Covid all’arancia

    Arancioni fuori, neri dentro. I tratti dei “forconi” da un lato, le presenze neofasciste dall’altro. Movimenti popolari: una ventina, dicono. Uniti, federati dietro lo striscione “Politici ladroni a casa!“....
  • Porte chiuse

    Stando così le cose, un “Libro bianco” sulla diffusione dell’epidemia da Covid-19 sarà necessario. Come ai tempi del G8 di Genova. Il problema sono sempre i fatti, che hanno...
  • La soglia del “voto”

    Se solo fosse possibile mostrare con grande semplicità, con una comunicazione diretta, immediata le enormi ingiustizie che i popoli subiscono ogni giorno da parte dei potenti al servizio di...
  • Gli imbecilli oltre il capitale

    Va bene, il capitalismo tutto contiene, tutto influenza, tutto produce e condiziona. Ma l’imbecillità di chi continua a negare che il Covid-19 sia una pandemia, minimizzandola, riducendo il tutto...