La «rivoluzione francese» secondo Macron

Francia. Macron di fronte al Congresso (Assemblea e Senato) descrive una Francia liberale, progressista, europeista e ottimista. Annuncia una riforma istituzionale, con un terzo di deputati in meno e una «dose» di proporzionale. Boicottaggio di Pcf e France Insoumise, che erano in piazza. Mélenchon: «noia» e «bonapartismo»

È stata convocata la Rivoluzione francese, ieri a Versailles. All’interno, il presidente Emmanuel Macron, in applicazione dell’articolo 18 che permette al presidente di rivolgersi al Congresso (Assemblea e Senato), ha evocato i «patti girondini» per delineare la sua visione del futuro e il senso della sua presidenza: una repubblica contrattuale, basata sulla responsabilità e sull’autonomia, un «umanesimo» incarnato nell’«effettività», citazione della filosofa Simone Weil (la seduta è iniziata con un minuto di silenzio in omaggio a Simone Veil, deceduta venerdì). Fuori, la trentina di parlamentari comunisti, che hanno rifiutato di essere presenti, con berretti frigi e riferimenti giacobini, hanno denunciato la «deriva monarchica» di Macron. Nel tardo pomeriggio, la France Insoumise, che ha boicottato Versailles, ha organizzato una manifestazione a Parigi, a place de la République, per protestare contro la «dimensione faraonica» del presidente.

MACRON HA SPIEGATO, con maggiori dettagli, gli impegni che aveva preso in campagna elettorale. Prima di tutto ha annunciato una riforma istituzionale importante: ci sarà un minor numero di leggi, le più importanti verranno valutate dopo due anni di applicazione, ci sarà una «dose» di proporzionale alle elezioni e le tre assemblee – Assemblée, Senato e Consiglio economico e sociale – dovranno ridurre di un terzo i loro membri. Se questa riforma non sarà votata entro un anno, ci sarà il referendum. Efficacia, rappresentatività, responsabilità per rispondere all’«impazienza» dei cittadini verso un mondo politico chiuso nelle «dispute o in azioni vuote».

UNA LUNGA PARTE del discorso (durato un’ora e mezza) è stata dedicata all’Europa. Ci saranno a breve delle «convenzioni» in tutti i territori per «rifondare l’Europa», in coordinamento con la Germania. La «cancelliera tedesca»  è stata l’unica europea ad essere citata. Sui migranti, dopo l’incontro a Parigi di domenica in preparazione delle riunioni della settimana, a cominciare da quella dei ministri degli Interni a Tallin, Macron ha ripetuto che ci sarà a breve una riforma del diritto d’asilo, per rendere più efficienti e veloci le risposte alle domande. La posizione francese è sempre la stessa: accoglienza dei rifugiati, «che corrono rischi reali», ma «senza confonderli con i migranti» economici, la cui migrazione dovrà essere «controllata».

…continua a leggere su il manifesto.it…

ANNA MARIA MERLO

da il manifesto.it

foto tratta da Pixabay

categorie
EsteriEuropaFrancia





passa a…



altri articoli