La nuova rivista storica del socialismo

Il socialismo non può essere relegato nei labirinti delle accademie o espulso dalla vita di tutti i giorni. Le ricerche storiche devono muovere da una fervida passione e riconoscere...

Il socialismo non può essere relegato nei labirinti delle accademie o espulso dalla vita di tutti i giorni. Le ricerche storiche devono muovere da una fervida passione e riconoscere dignità culturale alla speranza egalitaria. Nell’epoca del supercapitalismo, l’esercito della precarietà continua a domandare giustizia sociale e concrete forme di libertà. Segno che la stagione del socialismo, nella sua ampia accezione, non può tramontare.

Luigi Cortesi e Stefano Merli hanno diretto per quasi dieci anni la «Rivista storica del socialismo», inaugurandola nel ‘58 con un numero monografico dedicato a Filippo Turati e ospitando interventi di spessore sul Risorgimento, sul secondo dopoguerra, sull’evoluzione storica e ideologica dei partiti di massa, sulla politica sindacale e operaia. Il nuovo direttore Paolo Bagnoli, dopo una lunga fase di sospensione, ripropone ai lettori uno strumento di studio che spazierà, con periodicità semestrale, dalla storia all’economia, dalla filosofia alla politica, nell’intento di provare la «straordinaria attualità» del socialismo. Il primo numero della nuova edizione non ha deluso le attese. Andrea Becherucci e Giuliana Nuvoli si sono occupati rispettivamente delle nobili figure di Aldo Capitini e Anna Kuliscioff.

La vita di Capitini è una reazione infaticabile alle esibizioni del «male». Il fascismo lo imprigiona due volte e lui imbraccia l’arma della nonviolenza. Inventa i Cos (Centri di orientamento sociale) per restituire il vero significato alla democrazia: il potere di tutti. Denuncia l’indirizzo moderato imposto dai governi democristiani e il suo rigore morale gli impedisce di aderire ad un qualunque soggetto politico. Respinge compromessi e opportunismi.

…continua a leggere su il manifesto.info…

FRANCESCO POSTORINO

da il manifesto.info

foto tratta da Wikipedia

categorie
Il novecentoLibreria storica





passa a…



altri articoli

  • La scelta dell’8 settembre

    Non è vero che l’8 settembre rimanga come un nodo irrisolto nella storia d’Italia: atti, ruoli, protagonisti, responsabilità sono chiari e restano incontrovertibili nel delineare l’identità del nostro Paese...
  • Luglio 1960

    La necessità di rinnovare con costanza la memoria storica del nostra Paese si colloca ben oltre alla discussione sul neofascismo rampante nella difficile situazione dell’Italia di oggi. Per questo...
  • 335 nomi da non dimenticare

    Il 24 marzo del 1944 i tedeschi uccisero 335 persone in una cava sulla via Ardeatina, a Roma. Era una delle tante cave abbandonate che erano servite nei decenni...
  • 1944: l'”annus horribilis” della guerra in Italia

    1944: settantacinque anni fa. Nel corso di questo 2019 ci saranno molte occasioni di ricordo per quei terribili 12 mesi che squassarono l’Italia in un crescendo di avvenimenti drammatici....