La libertà e la paura

Ha ragione il Capo dello Stato: “La sovranità è degli elettori”. Le ingerenze indebite sui temi del referendum costituzionale, però, sono degli Stati Uniti d’America e del loro ambasciatore...

Ha ragione il Capo dello Stato: “La sovranità è degli elettori”. Le ingerenze indebite sui temi del referendum costituzionale, però, sono degli Stati Uniti d’America e del loro ambasciatore in Italia.
La sovranità popolare non è un elemento meramente tecnico. Eppure rischia di diventare una qualità politica deformata da espressioni che spingono verso una scelta che non penalizzi, a dire dell’ambasciatore, i rapporti tra Italia e Usa magari in materia commerciale, economica.
Quando si afferma che scegliere il SI’ consente di mantenere dei canali aperti con gli Usa e una “stabilità” democratica ed economica favorevole a queste strade di confronto, si dà, ovviamente, per scontato e si induce a pensare che la vittoria del NO provocherebbe chissà quale catastrofe.
E’ una bella tecnica, quella già usata e sperimentata: provocare la paura per spingere ad una scelta obbligata anche se apparentemente democratica e… sovrana.

(m.s.)

foto tratta da Pixabay

categorie
Lo stiletto





passa a…



altri articoli

  • Avanzamento

    Più avanzo nel tempo, più apprendo la brutalità del capitalismo, meno penso di poter essere accondiscendente anche nelle forme più banali degli accordi elettorali per scongiurare il “meno peggio”...
  • A proposito di nazismo

    Ai negazionisti delll’Olocausto, del Porrajmos e dei tanti stermini perpetrati dal Terzo Reich e dai fascismi di ogni modello, va ricordato prima di tutto che furono gli stessi nazisti...
  • Presa di coscienza

    Quando avevo vent’anni mi dicevano: “O sei comunista alla tua età o non lo sarai mai più.”. Pensavo fosse una esagerazione. Tutt’ora lo penso anche se con qualche dubbio,...
  • Nati ieri?

    Se parliamo di cambiamento minimale, quindi modificazione riformatrice di determinate politiche, è evidente che la risposta non può arrivare dalle piazze piene ma dai “giochi” di palazzo, anche intesi...