La grande fiducia

Tutto sulla fiducia, tutto per la fiducia, tutto nella fiducia. Al Senato la legge elettorale passa con cinque voti di fiducia. Quanta fiducia, quanta solerzia nel proclamarsi fedeli servitori...

Tutto sulla fiducia, tutto per la fiducia, tutto nella fiducia. Al Senato la legge elettorale passa con cinque voti di fiducia. Quanta fiducia, quanta solerzia nel proclamarsi fedeli servitori del governo in materia di regole generali della comune presentazione di qualunque cittadino alla prova del voto.
Del resto, come negare la fiducia a chi proverà a mantenere uno status quo politico che garantisce, come ovvio, un potere, che tutela i grandi interessi economici ed esprime il meglio dell’antisocialità?
La borghesia ha ritrovato la sua compattezza.
Ora tocca alle classi sociali “non borghesi”, ai lavoratori e alle lavoratrici, ai disoccupati, ai precari, a tutti coloro che vivono e sopravvivono del loro salario tornare a prendere coscienza di tutto ciò e unirsi in un nuovo patto federativo che non sia fatto di mera protesta per l’ovvia necessità dell’onestà nella e della politica. Ma che pretenda, invece, di diventare un contraltare sociale allo status quo sancito dalla grande fiducia che in questi giorni si respira nella ampie aule del Parlamento della Repubblica.

(m.s.)

foto tratta da Pixabay

categorie
Lo stiletto





passa a…



altri articoli

  • E’ banale ma va detto

    Non bisogna esultare troppo. Il “capitano” ha molte risorse e molte capacità di “rivoltare la frittata” evocata da Luigi Di Maio. Dipende chi prende in mano per primo il...
  • Tempi non diversi

    150 migranti dispersi, probabilmente tutti morti nelle acque del Mediterraneo. Italiani scrivono sui social: “Potevano stare a casa loro. Buon appetito ai pesci“. Un po’ come scrivere “Il lavoro...
  • TAVolta

    TAVolta capita di sbagliarsi. TAVolta capita di battersi per una vita per una causa, poi andare al governo e scoprire che quel potere che si voleva si ritorce contro...
  • Resistere ancora

    “Resistere, resistere, resistere“, aveva detto Francesco Saverio Borrelli in tempi in cui attorno alla magistratura la politica faceva il deserto e il cosiddetto “popolo” provava invece a trovare una...