La corsetta

Una corsa per le vie di Roma con la maglietta e i pantaloncini della polizia. Una corsa e poi in Consiglio dei ministri. Una corsa e poi un messaggio...

Una corsa per le vie di Roma con la maglietta e i pantaloncini della polizia. Una corsa e poi in Consiglio dei ministri.
Una corsa e poi un messaggio su Facebook: “Chi si ferma è perduto”.
Anche questa frase, come “Tireremo diritto”, mi ricorda qualcuno. Volutamente vengono pronunciate: per comunicare una vicinanza politica, per far commentare gli scemi come su tutto ciò e per far intendere che oggi i vecchi modi di esprimersi, quelli un po’ blasoneggianti e liberali, fatti di ipocrita cortesia, ma pur sempre cortesia era, sono fuori moda.
Meglio il cipiglio diretto, intransigente, senza mezzi termini.
Chi si ferma nel criticare questo governo, davvero è perduto.

(m.s.)

foto tratta da Pixabay

categorie
Lo stiletto





passa a…



altri articoli

  • Parentele

    E’ morto l’ex presidente egiziano Hosni Mubarak. Pace all’anima sua. Chissà se lo piangeranno anche i parenti italiani. (m.s.) foto tratta da Wikimedia Commons Stampa in PDF questo articolo...
  • Quarantena

    Per quanto riguarda il Coronavirus, vorrei dirvi che mi considero in quarantena rispetto a tutti i commenti in merito sui social. (m.s.) foto: screenshot Stampa in PDF questo articolo...
  • 1 su 5 (e non sono ovetti Kinder)

    Viste le meravigliose sorti e progressive dell’economia mondiale, europea ed italiana, al momento fonti non bolsceviche, ma facenti riferimento a serie riviste online che hanno studiato dati su dati,...
  • I fuorilegge

    Un deputato del partito che ha la fiamma tricolore nel simbolo, diretta erede del neofascista MSI (se ne facciano pure vanto), a sua volta diretto erede (o quasi…) del...