Kubrick, coscienza dell’umanità

20 anni senza Stanley Kubrick. Sì, se ne sente la mancanza. La lucida presa di coscienza del non senso della vita, di uno spaziale e allucinogeno viaggio alla ricerca...

20 anni senza Stanley Kubrick. Sì, se ne sente la mancanza.

La lucida presa di coscienza del non senso della vita, di uno spaziale e allucinogeno viaggio alla ricerca del medesimo in “2001, Odissea nello spazio”… come è già lontano quel 2001 in cui capitò di tutto: crollarono le torri, iniziarono altre guerre.

Una ennesima sconfitta per quell’umanità che non riesce a non tendere all’autodistruzione, divorata dal potere del profitto e anche dal profitto del potere.

La storia continua, con o senza umanità: anzi, sarebbe meglio dire che l’esistenza della materia continua.

Kubrick ha colto la complessità dello sviluppo più articolato della materia: l’essere umano. Un capolavoro di casualità nel mistero dell’universo. Un capolavoro così bello e così capace di distruggere sé stesso e la natura che lo circonda.

Kubrick ci è necessario, per sopravvivere coscienziosamente all’incoscienza dilagante.

(m.s.)

Rivediamolo, rileggiamone la vita e le opere su Corso Cinema: Prima parteSeconda parteTerza parte

foto tratta da Pixabay

categorie
Lo stiletto





passa a…



altri articoli

  • E’ banale ma va detto

    Non bisogna esultare troppo. Il “capitano” ha molte risorse e molte capacità di “rivoltare la frittata” evocata da Luigi Di Maio. Dipende chi prende in mano per primo il...
  • Tempi non diversi

    150 migranti dispersi, probabilmente tutti morti nelle acque del Mediterraneo. Italiani scrivono sui social: “Potevano stare a casa loro. Buon appetito ai pesci“. Un po’ come scrivere “Il lavoro...
  • TAVolta

    TAVolta capita di sbagliarsi. TAVolta capita di battersi per una vita per una causa, poi andare al governo e scoprire che quel potere che si voleva si ritorce contro...
  • Resistere ancora

    “Resistere, resistere, resistere“, aveva detto Francesco Saverio Borrelli in tempi in cui attorno alla magistratura la politica faceva il deserto e il cosiddetto “popolo” provava invece a trovare una...