Kubrick, coscienza dell’umanità

20 anni senza Stanley Kubrick. Sì, se ne sente la mancanza. La lucida presa di coscienza del non senso della vita, di uno spaziale e allucinogeno viaggio alla ricerca...

20 anni senza Stanley Kubrick. Sì, se ne sente la mancanza.

La lucida presa di coscienza del non senso della vita, di uno spaziale e allucinogeno viaggio alla ricerca del medesimo in “2001, Odissea nello spazio”… come è già lontano quel 2001 in cui capitò di tutto: crollarono le torri, iniziarono altre guerre.

Una ennesima sconfitta per quell’umanità che non riesce a non tendere all’autodistruzione, divorata dal potere del profitto e anche dal profitto del potere.

La storia continua, con o senza umanità: anzi, sarebbe meglio dire che l’esistenza della materia continua.

Kubrick ha colto la complessità dello sviluppo più articolato della materia: l’essere umano. Un capolavoro di casualità nel mistero dell’universo. Un capolavoro così bello e così capace di distruggere sé stesso e la natura che lo circonda.

Kubrick ci è necessario, per sopravvivere coscienziosamente all’incoscienza dilagante.

(m.s.)

Rivediamolo, rileggiamone la vita e le opere su Corso Cinema: Prima parteSeconda parteTerza parte

foto tratta da Pixabay

categorie
Lo stiletto





passa a…



altri articoli

  • Ritorno all’inferno

    I migranti fuggono dalla Libia e ora li riportiamo in Libia? Nei “porti sicuri” che non esistono laddove vi sono guerra e due governi che si fronteggiano insieme a...
  • Attenti alle spalle

    Per difendervi a casa vostra, sparate alle spalle di chi è fuori casa vostra. Magari non sarà proprio “legittima difesa”, ma chi se ne accorge nell’era del sovranismo? Pochi,...
  • Alleanze

    Sostiene Renzi ciò che è vero e lo manda a dire al PD: i Cinquestelle non sono sinistra. “L’alleanza con loro fatela senza me”. Ma allora perché si è...
  • Padre!

    Accade a Foligno, Italia. Salvini parla da un palco elettorale e dice: “Se mio figlio ha fame e mi chiede di dargli da mangiare e Bruxelles mi dice ‘No...