Ipotesi “dio” e realtà del disumano

Come può dio aver permesso Auschwitz? Una discussione “teologica” che, francamente, non mi sono posto spesso: dio è una ipotesi umana. Auschwitz è una relatà della parte disumana dell’umano....

Come può dio aver permesso Auschwitz?
Una discussione “teologica” che, francamente, non mi sono posto spesso: dio è una ipotesi umana. Auschwitz è una relatà della parte disumana dell’umano. Quindi, purtroppo, tocca affermare che su dio si hanno dubbi circa l’esistenza, sul disumano no.
Concentrarsi sul “possibile” è fuorviante: noi immaginiamo un dio buono che per forza sia amore. Ma dio per l’uomo è l’uomo stesso se fa l’essere umano, se cioè si concentra sulla creazione di una vita dove non ci si autostermini, dove non si arrivi a vivere, ogni giorno, di paure e odio.
Eppure siamo così puerili da picchiare i pugni sui muri o sui tavoli se ci capita qualcosa di terribile. Non è colpa di nessuno se una malattia ci travolge, se un terremoto ci annienta, se un incidente stradale ci stermina. Ci sono colpe individuali su singoli fatti, ovviamente, ci sono quindi cause a monte che sono ascrivibili a comportamenti umani, ma possono essere attribuibili nel bene e nel male ad una “divinità” impalpabile, invisibile?
Sono agnostico, non ateo. Per questo la mia è una affascinante ricerca nel dubbio, nella stimolazione costante all’avvicinamento ad un profondo mistero che rimane tale e che, forse, proprio perché misterioso è più affascinante della credenza dogmatica.

(m.s.)

foto tratta da Pixabay

categorie
Lo stiletto

altri articoli

  • Maria Antonietta

    Briciole, brioches, pane. C’è chi darebbe le briciole che cadono dal tavolo. C’è chi, più aristocraticamente, direbbe: “Chiedono pane? Dategli le brioches!“. Poi c’è chi direbbe: “Prima gli italiani!“....
  • Contro gli speculatori

    Una certa storiografia critica verso il “Maximum“, approvato nel settembre del 1793 dalla Convenzione nazionale francese, adesso dovrebbe comprendere la necessità di quella misura in tempi che, guerre che...
  • Fabbriche e nevrosi

    Signori, si chiude! Ed è pure troppo tardi. Ma ben venga la serrata di tutte le attività produttive non strettamente necessarie alle esigenze primarie: cibo, medicine, informazione. Pare anche...
  • Siate vegani, non teste di avocado

    Bisogna cercare di non cadere mai nella banalizzazione dei concetti. Per cui affermare (come ho potuto ascoltare in radio) che “in un mondo fatto solo di vegani il Coronavirus...