#iostoconGabriele

Quando si arresta una persona senza una accusa specifica si è già in presenza di un atto di repressione. Quindi di una volontà politica ben precisa. Quando poi la...

Quando si arresta una persona senza una accusa specifica si è già in presenza di un atto di repressione. Quindi di una volontà politica ben precisa.
Quando poi la persona in questione è un giornalista, un blogger, uno scrittore che cerca solo di raccontare una guerra, le vite dei profughi fuggiti dalla Siria, allora l’arresto diventa doppiamente politico, ispirato da una precisa intenzione di impedire che gli occhi delle telecamere possano far vedere ad altri occhi ciò che accade al confine di una zona di guerra.
In isolamento, senza avvocato, senza poter avere il diritto alla difesa. Ma difesa da cosa? Forse da chi, sarebbe meglio dire. Perché l’unico reato di Gabriele Del Grande sembra essere quello di aver cercato di fare spazio alla verità in mezzo al campo minato della propaganda di guerra.

Vedi l’evento su Facebook: #iostoconGabriele

(m.s.)

foto tratta da Wikipedia

categorie
Lo stiletto





passa a…



altri articoli

  • Titolo o insulto?

    Questo è “giornalismo”? La domanda non vuole essere retorica anche se ciò potrebbe essere indotto a pensare chi, con un po’ di buon senso e un minimo di cultura...
  • Sovraidioti

    Gli italiani sovranisti plaudono al fuoco che arde e distrugge le secolari mura di un capolavoro artistico, di un luogo di culto per chi è credente, di un simbolo...
  • Assalto ad Assange

    La libertà di informazione ormai sopravvive solo dentro un’ambasciata, protetta dal diritto diplomatico e consolare. Almeno fino a ieri. Assange nelle mani degli USA è una notizia. Una libera...
  • Arminio Hitler

    Chissà che effetto farebbe in Germania un grande cartellone con scritto “Arminio Hitler” nella campagna elettorale per le prossime europee…? Un bruttissimo effetto, anche se l’aspetto del candidato Arminio...