#iostoconGabriele

Quando si arresta una persona senza una accusa specifica si è già in presenza di un atto di repressione. Quindi di una volontà politica ben precisa. Quando poi la...

Quando si arresta una persona senza una accusa specifica si è già in presenza di un atto di repressione. Quindi di una volontà politica ben precisa.
Quando poi la persona in questione è un giornalista, un blogger, uno scrittore che cerca solo di raccontare una guerra, le vite dei profughi fuggiti dalla Siria, allora l’arresto diventa doppiamente politico, ispirato da una precisa intenzione di impedire che gli occhi delle telecamere possano far vedere ad altri occhi ciò che accade al confine di una zona di guerra.
In isolamento, senza avvocato, senza poter avere il diritto alla difesa. Ma difesa da cosa? Forse da chi, sarebbe meglio dire. Perché l’unico reato di Gabriele Del Grande sembra essere quello di aver cercato di fare spazio alla verità in mezzo al campo minato della propaganda di guerra.

Vedi l’evento su Facebook: #iostoconGabriele

(m.s.)

foto tratta da Wikipedia

categorie
Lo stiletto





passa a…



altri articoli

  • Quarantena

    Per quanto riguarda il Coronavirus, vorrei dirvi che mi considero in quarantena rispetto a tutti i commenti in merito sui social. (m.s.) foto: screenshot Stampa in PDF questo articolo...
  • 1 su 5 (e non sono ovetti Kinder)

    Viste le meravigliose sorti e progressive dell’economia mondiale, europea ed italiana, al momento fonti non bolsceviche, ma facenti riferimento a serie riviste online che hanno studiato dati su dati,...
  • I fuorilegge

    Un deputato del partito che ha la fiamma tricolore nel simbolo, diretta erede del neofascista MSI (se ne facciano pure vanto), a sua volta diretto erede (o quasi…) del...
  • L’unica svastica bella…

    Le scritte antisemite, neonaziste, vergate con croci celtiche e insulti alle vittime dell’Olocausto, si moltiplicano nel Paese. Dalle porte delle case dei deportati fino alle mura delle scuole: accanto...