Immaginazione palestinese

La Gerusalemme liberata da Trump: 52 morti e più di 2.400 feriti. Palestinesi… Ma per molti telegiornali sono morte solo 52 persone e ne sono state ferite migliaia. Successivamente,...

La Gerusalemme liberata da Trump: 52 morti e più di 2.400 feriti. Palestinesi…
Ma per molti telegiornali sono morte solo 52 persone e ne sono state ferite migliaia. Successivamente, se un guizzo di memoria della buona fede (o di buona fede della memoria) fa un balzo in avanti, allora ci si ricorda che sono palestinesi mentre scorrono le immagini di Ivanka Trump e del marito che si scattano selfie con Netanyahu all’apertura dell’ambasciata statunitense nella presunta unica capitale dello Stato di Israele.
Quei  52 morti e 2.400 e più feriti sono una strage che parla al mondo e dice: “Quella città è anche nostra. Quella è anche terra nostra. Noi siamo un popolo e abbiamo diritto di vivere sulla nostra terra.”.
Questo ho sentito come eco lontano dai palestinesi massacrati e dai feriti.
Ma forse me lo sono solo immaginato…

(m.s.)

foto tratta da Pixabay

categorie
Lo stiletto
nessun commento

lascia un commento

*

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.









altri articoli

  • Disco e Love boat

    I parlamentari ballano in discoteca. Del resto siamo sotto le feste, ci si deve divertire. Un po’ di spensieratezza mentre l’Europa riporta a miti consigli il governo italiano sul...
  • Inciampando

    Il capitalismo e le istituzioni governative che ne sono il cane da guardia non stanno dando una immagine di grande tenuta in questo momento in Europa: dalla Francia al...
  • Corinaldo. La colpa

    Tralascio considerazioni musicali. Pur essendo nato nel 1973, i miei dischi (o cd) sono pieni di un caleidoscopio di note così differenti tra loro da far impallidire qualunque cultore...
  • L’illusione

    La sinistra non può essere rappresentata da chi ha acconsentito fino ad oggi, silentemente o meno, a tutte le politiche liberiste fatte dal proprio partito. L’induzione all’opposizione, reduce da...