Il sangue del Donbass è ora sulle mani di Trump

Donetsk e Lugansk sono di nuovo sotto attacco della giunta ucraina finanziata e armata dagli Stati Uniti. I civili e le truppe vengono uccisi di nuovo in numero crescente...

Donetsk e Lugansk sono di nuovo sotto attacco della giunta ucraina finanziata e armata dagli Stati Uniti. I civili e le truppe vengono uccisi di nuovo in numero crescente vicino alla linea del fronte quando i fascisti e i militari ucraini cercano di avanzare.

Molte persone nella capitale di Donetsk sono senza elettricità e acqua corrente in pieno inverno. Una scuola e un ospedale in Makeyevka sono stati presi di mira da Ucraina il 30 gennaio. Durante la notte, le forze dell’Ucraina hanno lanciato più di 100 razzi Grad a Yasinovataya. Condomini e case nella città di Donetsk sono stati bombardati per diversi giorni. Duecento minatori alla miniera Zasyadko sono intrappolati sotto terra dopo che l’elettricità è stata tagliata da bombardamenti ucraini. I funzionari di Donetsk hanno ordinato l’evacuazione del quartiere Kiyevsky della capitale a causa degli attacchi in corso.
Dopo aver assunto la presidenza il 20 gennaio, Donald Trump ha agito rapidamente per applicare misure repressive contro i poveri e lavoratori in patria. Lui si è affrettato a vietare a coloro che risiedono legalmente e a visitatori di tornare negli Stati Uniti sulla base della loro religione e del paese di origine. Lui si è affrettato ad annunciare piani per “zone sicure” in Siria in violazione della sovranità siriana. Lui si è affrettato a sostenere un massacro effettuato sotto la sua supervisione da forze militari degli Stati Uniti in Yemen che hanno ucciso più di 30 persone, compresi bambini.
Donald Trump afferma che vuole migliorare le relazioni con la Russia. Ma ha adottato qualche misura per fermare gli attacchi ucraini nei Donbass? Non ha detto una parola. Anche la revoca delle sanzioni alla Russia è ora “una cosa non sicura”, secondo Trump.
Le morti e le distruzioni in corso da parte di Kiev sono crimini di guerra. E il sangue è sulle mani di Trump tanto quanto del presidente ucraino Poroshenko.
Sotto Obama, abbiamo chiesto che gli Stati Uniti fermassero la loro sanguinosa guerra per procura nel Donbass. E ora, sotto Trump, chiediamo che gli Stati Uniti fermano la loro sanguinosa guerra per procura nel Donbass.
Oggi come allora, noi diciamo: Cessate il finanziamento, l’armamento e la protezione politica del regime di Kiev! Ponete fine alle sanzioni contro la Russia e il Donbass! Riconoscete la Crimea come parte della Federazione Russa! Riconoscete le Repubbliche del popolo di Donetsk e Lugansk ! Risarcimenti per la ricostruzione della guerra che ha dilaniato Donbass!

Solidarity with Novorossiya & Antifascists in Ukraine

International Action Center

RED.

da rifondazione.it

foto tratta da Pixabay

categorie
Est EuropaEsteriRussia





passa a…



altri articoli