Il Partito del Congiuntivo Sbagliato

La lingua italiana è la prima vittima della campagna elettorale. Mi trovo perfettamente d’accordo con questa affermazione del presidente dell’Accademia della Crusca. Dovrebbe essere imbarazzante per molti l’assistere allo...
Dante Alighieri

La lingua italiana è la prima vittima della campagna elettorale.
Mi trovo perfettamente d’accordo con questa affermazione del presidente dell’Accademia della Crusca.
Dovrebbe essere imbarazzante per molti l’assistere allo stillicidio di congiuntivi sbagliati, di frasi costruite senza un senso compiuto, di termini anglofoni usati a pieni polmoni per catturare maggiormente l’attenzione dei cittadini…
Invece non lo è.
Il poco amore per la lingua che parliamo è indice di un parallelo altrettanto poco amore per la cultura del nostro Paese, per la sua storia, per la sua letteratura che affonda le radici dall’XI secolo in avanti.
Sbagliare un congiuntivo può accadere anche al migliore degli accademici, ma perseverare negli errori e alimentare un uso della lingua italiana pieno di errori e di omissioni di parole che invece potrebbero essere utilizzate non denota una modernità imperante, una sorta di equilibrio tra l’ieri e l’oggi.
Mostra, invece, soltanto come poche siano le letture che si fanno ogni anno e come tutto ciò porti ad un utilizzo sempre più banale della nostra lingua, riducendo ad una “seccatura” l’osservazione delle regole grammaticali e la bellezza dello scrivere e del parlare correttamente.
La grammatica è una musica per le parole. Non conoscerla vuol dire stonare continuamente mentre ci si rivolge ad altri per iscritto o per dialogo.
Cantavano i partigiani sulle montagne…

Chiediamo scusa se con frasi stolte,
abbiam storpiato pure il padre Dante.
La colpa è del bicchier che troppe volte
la bocca ci baciò tutto tremante…“.

Ecco, oggi nemmeno più il vino è un alibi per le sgrammaticature…
Speriamo che Dante si sia voltato e, soprattutto, si sia turato le orecchie…

(m.s.)

foto tratta da Pixabay

categorie
Lo stiletto





passa a…



altri articoli

  • Per il PD siamo come i nazisti

    Nessuno più di me è diventato comunista anche mediante una feroce critica verso i regimi dell’Est che hanno deformato il comunismo e lo stesso marxismo. Ma, come non si...
  • Buon peso

    Sai quando vai al mercato, ti avvicini al banco, guardi e scegli? Poi ti rivolgi al commerciante e dici: “Ma sono buone?“. Il commerciante non ti dirà mai: “No,...
  • Si diceva

    Il PD e la scissione renziana. Un tempo si diceva: “Epurandosi il Partito si rafforza.”. Occhio… Lenin parlava di noi comunisti mica del PD… (m.s.) Stampa in PDF questo...
  • Minore e maggiore

    Permettete che oggi lo Stiletto sia dato in mano a Nino, al nostro caro Antonio Gramsci. Come tanti suoi testi, questo che segue sembra proprio scritto per una stretta,...