Il Paese che non esiste

Il paese che non esiste sta per essere invaso dalle truppe della Turchia. Non c’è pace per i curdi e per il Kurdistan. Le repressioni turche, iraniane, siriane e...

Il paese che non esiste sta per essere invaso dalle truppe della Turchia.

Non c’è pace per i curdi e per il Kurdistan. Le repressioni turche, iraniane, siriane e irachene. Il rapimento di Ocalan che ancora si trova nelle carceri di Ankara sull’isola di Imrali. Poi l’Isis. Ora di nuovo i turchi.

Naturalmente Erdogan dirà che vuole eliminare i “terroristi” del Rojava, i combattenti dell’esercito dello YPG.

Un pretesto bisogna sempre metterlo davanti agli occhi ciechi del mondo per giustificare l’ennesima “missione di pace” benedetta dagli Stati Uniti d’America.

C’è molto da dire, c’è poco da aggiungere: stavamo, stiamo e staremo sempre con chi si batte per la libertà da ogni imperialismo, da ogni fascismo mascherato ora a stelle e strisce e domani all’ombra della Mezzaluna e della Sublime porta.

Ci vorrebbe un Lawrence d’Arabia… Ci vorrebbe un Ernesto Guevara. Ci vorrebbe un Giap. Speriamo ci siano. #freeKurdistan #freeOcalan

(m.s.)

foto tratta da Wikimedia Commons

categorie
Lo stiletto





passa a…



altri articoli

  • Avanzamento

    Più avanzo nel tempo, più apprendo la brutalità del capitalismo, meno penso di poter essere accondiscendente anche nelle forme più banali degli accordi elettorali per scongiurare il “meno peggio”...
  • A proposito di nazismo

    Ai negazionisti delll’Olocausto, del Porrajmos e dei tanti stermini perpetrati dal Terzo Reich e dai fascismi di ogni modello, va ricordato prima di tutto che furono gli stessi nazisti...
  • Presa di coscienza

    Quando avevo vent’anni mi dicevano: “O sei comunista alla tua età o non lo sarai mai più.”. Pensavo fosse una esagerazione. Tutt’ora lo penso anche se con qualche dubbio,...
  • Nati ieri?

    Se parliamo di cambiamento minimale, quindi modificazione riformatrice di determinate politiche, è evidente che la risposta non può arrivare dalle piazze piene ma dai “giochi” di palazzo, anche intesi...