I capolavori del PD

Grande Paese il nostro. Avevamo un governo che dava per scontato che un ramo del Parlamento non dovesse più essere eletto direttamente dai cittadini (o forse sì… a seconda...

Grande Paese il nostro.
Avevamo un governo che dava per scontato che un ramo del Parlamento non dovesse più essere eletto direttamente dai cittadini (o forse sì… a seconda delle dichiarazioni elettorali di Renzi) e ora abbiamo fortunatamente due Camere ancora, ma due leggi elettorali proprio in virtù del fatto che ciò che si dava per scontato non è avvenuto.
Quella del 4 dicembre risuona oggi ancora di più come una grande vittoria popolare perché apre contraddizioni su cui questi grigi burocrati, amministratori degli interessi dei padroni e dell’alta finanza, dovranno essere costretti a passare, come forche caudine moderne.
I capolavori del PD sono tutte sconfitte: per la democrazia, per i ceti più deboli, per chi pensa che lì ci sia ancora qualcosa riconducibile ad un barlume di sinistra.

(m.s.)

foto tratta da Pixabay

categorie
Lo stiletto

altri articoli

  • La soglia del “voto”

    Se solo fosse possibile mostrare con grande semplicità, con una comunicazione diretta, immediata le enormi ingiustizie che i popoli subiscono ogni giorno da parte dei potenti al servizio di...
  • Gli imbecilli oltre il capitale

    Va bene, il capitalismo tutto contiene, tutto influenza, tutto produce e condiziona. Ma l’imbecillità di chi continua a negare che il Covid-19 sia una pandemia, minimizzandola, riducendo il tutto...
  • Imprenditori, sfacciati sfruttatori

    In decenni e decenni di defiscalizzazioni, deregolamentazioni e semplificazioni normative, nonché in un ultra trentennale disposizione di tante categorie economiche e imprenditoriali di medio di grande stampo, la cumulazione...
  • Silvie libere

    “Silvia è libera!“. Essendo ormai quasi oltre il mezzo del cammin di nostra vita ho pensato subito alle tante volte che lo abbiamo urlato per un’altra Silvia, rinchiusa in...