Grazie don Massimo, antidoto al Quarto Reich

Un sacerdote, don Massimo Biancalani, regala un pomeriggio in piscina a quindici migranti per ripagarli del lavoro che avevano svolto ad una festa di una organizzazione non governativa e...

Un sacerdote, don Massimo Biancalani, regala un pomeriggio in piscina a quindici migranti per ripagarli del lavoro che avevano svolto ad una festa di una organizzazione non governativa e ne nasce uno scandalo: uno scandalo per fascisti e razzisti. Non sia mai che un negro vada ad inquinare la piscina della Sacra Patria Italiana.
Non sia mai che un migrante possa divertirsi dopo aver lavorato. Deve penare, sempre patire, sempre disperarsi e agognare la felicità. Mai raggiungerla.
Ora quel sacerdote non può neppure dire messa in santa pace: lo vogliono “sorvegliare” per vedere se applica alla lettera la liturgia.
Ho fatto bene a riprendere la lettura de “La fine del Terzo Reich” di Ian Kershaw… Perché qui sembra proprio che un clima da Terzo Reich stia crescendo.
Fermiamolo subito con una grande unità antifascista e antirazzista, altrimenti nemmeno la nostra Costituzione democratica potrà nulla contro il buio della ragione, l’oscurità totale dell’umanità.
E un grazie a don Massimo, antidoto al Quarto Reich.

(m.s.)

foto tratta da Pixabay

categorie
Lo stiletto





passa a…



altri articoli

  • Decantazione

    Devo dire che non mi sorprende molto la posizione de “il manifesto” sulla crisi di governo. Ma davvero però ritenete che un governo PD-M5S allontani il pericolo del “pieno...
  • Applausi?

    Albert Speer dissentì da Hitler negli ultimi mesi del Terzo Reich, ma questo non lo fece essere meno nazista di quanto non lo fosse stato… (m.s.) foto tratta da...
  • E’ banale ma va detto

    Non bisogna esultare troppo. Il “capitano” ha molte risorse e molte capacità di “rivoltare la frittata” evocata da Luigi Di Maio. Dipende chi prende in mano per primo il...
  • Tempi non diversi

    150 migranti dispersi, probabilmente tutti morti nelle acque del Mediterraneo. Italiani scrivono sui social: “Potevano stare a casa loro. Buon appetito ai pesci“. Un po’ come scrivere “Il lavoro...