“Endorsement”

Scrivono alcuni giornalisti con un marcato stupore: “Obama fa l'”endorsement” per Hillary”. A parte l’uso della parola inglese che purtroppo ormai è entrata nel lessico comune di tanti poveracci...

Scrivono alcuni giornalisti con un marcato stupore: “Obama fa l'”endorsement” per Hillary”. A parte l’uso della parola inglese che purtroppo ormai è entrata nel lessico comune di tanti poveracci che pensano così di essere “al passo coi tempi” e in qualche stato di grazia linguistico che uccide, invece, la nostra meravigliosa lingua italiana; a parte questo, dicevo, ma cosa ci si attendeva?
Forse che il presidente Obama esprimesse un pubblico sostegno per Donald Trump? Oppure per Bernie Sanders, sconfitto ma grande ugualmente!?
Chissà, magari qualche cronista era lì ad attendere che fosse Hillary a fare un “endorsement” per ricordare a qualcuno che Obama, nonostante tutto, rimane il presidente e quel comandante in capo delle forze armate che, dopo otto anni, ancora non ha chiuso la vergogna di Guantanamo.

(m.s.)

foto tratta da Pixabay

categorie
Lo stiletto

altri articoli

  • 30 anni dopo: al di qua e al di là del “muro”

    Quando un muro cade è per due motivi: l’usura del tempo lo ha fatto rovinare fino a terra, ne ha distrutto la solidità e lo ha corroso fino a...
  • La recidiva nera

    Magari non c’era Goebbels presente, visto che si è dovuto suicidare, dopo aver ucciso moglie e figli, mentre i russi entravano nel quartiere governativo di Berlino. Magari non c’erano...
  • Palle

    Uno dei capi ultras del Verona afferma che Balotelli, visto che è nero, “non potrà mai essere del tutto italiano“. Peccato non possa esserlo anche io, nero e del...
  • Tuttavia

    Astenersi sulla costituzione di una commissione parlamentare che indagherà sui fenomeni di odio, antisemitismo, xenofobia, razzismo e violenza derivante da tutto ciò cosa vuol dire? Salvini: “Siamo contro razzismo,...