Ecologia anticapitalista

Bella la mobilitazione mondiale giovanile sul clima, sulle problematiche di sopravvivenza di un eco-sistema che ci coinvolge tutti. Però va detto che, come ho letto in uno striscione, “il...

Bella la mobilitazione mondiale giovanile sul clima, sulle problematiche di sopravvivenza di un eco-sistema che ci coinvolge tutti.

Però va detto che, come ho letto in uno striscione, “il problema è il capitalismo”. Senza la messa in discussione dell’economia di mercato, dello sfruttamento dell’uomo sull’uomo e dell’uomo sulla natura, non si può entrare nel viatico di una seria proposta di recupero del Pianeta a sé stesso, alle leggi della natura che, ad oggi, sono state piegate a quelle del profitto, per l’appunto…

Dunque, per essere veramente ecologisti occorre avere una visione d’insieme che comprenda l’anticapitalismo: l’ecologismo separato da una critica all’economia dominante nel globo rischia di essere fine a sé stesso.

Rischia di essere una strada lastricata di buone intenzioni che non porta però a nessuna vera soluzione dei problemi denunciati da milioni di giovani oggi sulla scia della mediatizzazione delle parole di un giovane, coraggiosa ragazza.

(m.s.)

foto di Marco Sferini

categorie
Lo stiletto





passa a…



altri articoli

  • Cari avversari vicini e lontani…

    Tutto il mondo della politica di palazzo si sta allontanando da noi comunisti. Lo reputo positivo perché tornano a rimarcarsi le necessarie e oggettive differenze tra chi esprime una...
  • Il Paese che non esiste

    Il paese che non esiste sta per essere invaso dalle truppe della Turchia. Non c’è pace per i curdi e per il Kurdistan. Le repressioni turche, iraniane, siriane e...
  • Serie “il governo sociale” / 3

    Prima scena Il governo che ci ha “salvato” da Salvini è pronto a mortificare il Parlamento con una riforma nuovamente eversiva che riduce anche la voce dei territori nelle...
  • Chiosa

    Tutti d’accordo, dunque. Il mondo è con “l’acqua alla gola” e ha gli anni, forse i decenni contati per arrivare a quel “punto di non ritorno” da cui poi...