Dittatura dei “likes”

Maurizio Ferraris su “la Repubblica” ci spiega che la “dittatura del proletariato” si starebbe realizzando attraverso il numero di “followers” che cliccano a favore o meno di una foto,...

Maurizio Ferraris su “la Repubblica” ci spiega che la “dittatura del proletariato” si starebbe realizzando attraverso il numero di “followers” che cliccano a favore o meno di una foto, di un pensiero, di un video di questo o quel “potente” di turno. Così si concretizzerebbe il potere delle masse nei confronti delle classi dominanti.

E’ ardita come analisi. E’ molto divertente, ma ha un fondo di tragicomica verità.

Facciamo delle ipotesi: l’autore non ha letto la “Critica del programma di Gotha“; equivoca il significato di “dittatura” oppure assunte scientemente entrambe le cose, generano una opinione sarcastica e anche un po’ ironica. 

Consideriamola una “vignetta”. Perché l’autore sa benissimo cosa intendesse Marx con la locuzione “dittatura del proletariato”. E’ uno dei concetti più controversi del marxismo, più disputati dai sapientoni della univocità di un pensiero dialettico che ha sintetizzato in quelle parole il passaggio di potere e di egemonia complessiva dalle mani della borghesia a quelle degli sfruttati di tutto un mondo che pareva sul limitare della rivoluzione.

Così non era e non è stato. Così può tornare ad essere, ma senza la parodia dei “likes”. Questi sono un falso consenso di massa. Ma l’avreste visto Marx “influencer” di Instagram?

(m.s.)

foto tratta da Pixabay

categorie
Lo stiletto





passa a…



altri articoli

  • Titolo o insulto?

    Questo è “giornalismo”? La domanda non vuole essere retorica anche se ciò potrebbe essere indotto a pensare chi, con un po’ di buon senso e un minimo di cultura...
  • Sovraidioti

    Gli italiani sovranisti plaudono al fuoco che arde e distrugge le secolari mura di un capolavoro artistico, di un luogo di culto per chi è credente, di un simbolo...
  • Assalto ad Assange

    La libertà di informazione ormai sopravvive solo dentro un’ambasciata, protetta dal diritto diplomatico e consolare. Almeno fino a ieri. Assange nelle mani degli USA è una notizia. Una libera...
  • Arminio Hitler

    Chissà che effetto farebbe in Germania un grande cartellone con scritto “Arminio Hitler” nella campagna elettorale per le prossime europee…? Un bruttissimo effetto, anche se l’aspetto del candidato Arminio...