Disumanizzante

Traggo spunto da una bella intervista de “il manifesto” di oggi ad Antonio Scurati, per alcune brevi riflessioni. “Il fascismo non è stato un generico «crimine contro l’umanità» ma...

Traggo spunto da una bella intervista de “il manifesto” di oggi ad Antonio Scurati, per alcune brevi riflessioni.

Il fascismo non è stato un generico «crimine contro l’umanità» ma un progetto politico disumanizzante.“.

Così bene descrive Antonio Scurati il fascismo. Anzitutto un progetto. Poi, ovviamente, politico. E infine disumanizzante. La declinazione tedesca del medesimo, pur nata e cresciuta sotto altre pessime stelle (antisemitismo, pangermanesimo, antislavismo, ecc.), ha tratto ispirazione proprio dalla disumanizzazione degli individui considerati “indegni” di far parte di una società di “superiori” o, per dirla con Hitler, di “forti contro deboli”.

Più si sfogliano le pagine degli scritti nazisti e fascisti e più ci si ritroverà immersi nell’esaltazione della forza, della maestà muscolare di una ideologia negativa perché fa della forza l’elemento necessario per l’affermazione di una parte dell’umanità a tutto discapito di un’altra.

In questo senso la disumanizzazione che ricorda Scurati è piena, assoluta, primitiva: ci riporta oltre la ragione, prima di essa, pur pretendendo di gestire settori dell’umana realtà individuale, dell’istinto, della consuetudine, delle produzioni umane stesse che si rifanno all’esigenza di una uguaglianza che viene alla fine negata, vilipesa, stritolata dalla perversione megalomane della totalizzazione di un certo tipo di essere umano.

Il fascismo e il nazismo questo sono stati e tentano sempre di essere: la mutazione sociale e politica degli esseri umani uguali per natura in esseri disumani diseguali per forza, per brutalità, per sopraffazione.

(m.s.)

categorie
Lo stiletto





passa a…



altri articoli

  • I nuovi arrivisti

    (o “arrivanti“, nel senso che stanno quasi per arrivare. Aspettatemi e li vedrete presto al posto migliore) Ridursi a pensare che affiancarsi o stare nel PD, magari “da comunisti“,...
  • Quota 60?

    Sfruttati una vita per garantire le pensioni (ammesso che ancora possa essere così…) alle generazioni successive, poi relegati a ruolo di “non fruitori” del futuro e quindi magari anche...
  • Al livello delle palle

    Crea molta tristezza vedere undici giocatori di calcio fare il saluto militare. Solidarietà ad Erdogan? Per cosa? Per una aggressione ad un popolo che ha tutto il diritto di...
  • Cari avversari vicini e lontani…

    Tutto il mondo della politica di palazzo si sta allontanando da noi comunisti. Lo reputo positivo perché tornano a rimarcarsi le necessarie e oggettive differenze tra chi esprime una...