Disumanizzante

Traggo spunto da una bella intervista de “il manifesto” di oggi ad Antonio Scurati, per alcune brevi riflessioni. “Il fascismo non è stato un generico «crimine contro l’umanità» ma...

Traggo spunto da una bella intervista de “il manifesto” di oggi ad Antonio Scurati, per alcune brevi riflessioni.

Il fascismo non è stato un generico «crimine contro l’umanità» ma un progetto politico disumanizzante.“.

Così bene descrive Antonio Scurati il fascismo. Anzitutto un progetto. Poi, ovviamente, politico. E infine disumanizzante. La declinazione tedesca del medesimo, pur nata e cresciuta sotto altre pessime stelle (antisemitismo, pangermanesimo, antislavismo, ecc.), ha tratto ispirazione proprio dalla disumanizzazione degli individui considerati “indegni” di far parte di una società di “superiori” o, per dirla con Hitler, di “forti contro deboli”.

Più si sfogliano le pagine degli scritti nazisti e fascisti e più ci si ritroverà immersi nell’esaltazione della forza, della maestà muscolare di una ideologia negativa perché fa della forza l’elemento necessario per l’affermazione di una parte dell’umanità a tutto discapito di un’altra.

In questo senso la disumanizzazione che ricorda Scurati è piena, assoluta, primitiva: ci riporta oltre la ragione, prima di essa, pur pretendendo di gestire settori dell’umana realtà individuale, dell’istinto, della consuetudine, delle produzioni umane stesse che si rifanno all’esigenza di una uguaglianza che viene alla fine negata, vilipesa, stritolata dalla perversione megalomane della totalizzazione di un certo tipo di essere umano.

Il fascismo e il nazismo questo sono stati e tentano sempre di essere: la mutazione sociale e politica degli esseri umani uguali per natura in esseri disumani diseguali per forza, per brutalità, per sopraffazione.

(m.s.)

categorie
Lo stiletto

altri articoli

  • Contro gli speculatori

    Una certa storiografia critica verso il “Maximum“, approvato nel settembre del 1793 dalla Convenzione nazionale francese, adesso dovrebbe comprendere la necessità di quella misura in tempi che, guerre che...
  • Fabbriche e nevrosi

    Signori, si chiude! Ed è pure troppo tardi. Ma ben venga la serrata di tutte le attività produttive non strettamente necessarie alle esigenze primarie: cibo, medicine, informazione. Pare anche...
  • Siate vegani, non teste di avocado

    Bisogna cercare di non cadere mai nella banalizzazione dei concetti. Per cui affermare (come ho potuto ascoltare in radio) che “in un mondo fatto solo di vegani il Coronavirus...
  • Primadonna

    Ce l’ha fatta anche questa volta a far parlare di sé. Ce l’ha fatta mentre tutti noi stiamo in casa ed usciamo giusto il necessario per fare un po’...