Da che parte sta l’ANPI?

Io posso anche comprendere il travaglio dell’ANPI nell’aderire ad una manifestazione che contraddice le politiche del governo e che, quindi, va in aperto contrasto non solo contro il razzismo...

Io posso anche comprendere il travaglio dell’ANPI nell’aderire ad una manifestazione che contraddice le politiche del governo e che, quindi, va in aperto contrasto non solo contro il razzismo e la xenofobia diffusi tra la popolazione.
Lo comprendo nella misura in cui penso ad un’ANPI che recepisce certi input e certe pressioni in merito al posizionarsi su un determinato piano politico.
Ma l’ANPI deve rispondere soprattutto a due differenti piani di valutazione dei fenomeni che accadono: civile e sociale. Sul piano civile si determina anche il giudizio su quanto si sviluppa sul terreno della mera socialità che, dovrebbe essere evidente, non è seconda in quanto importanza rispetto a civismo e politica propriamente detta.
Per questo credo che l’ANPI si trovi oggi ad un bivio ancor più che in passato e che debba scegliere se vuole essere al fianco degli antifascisti tutti o se preferisce un ruolo di vicinanza alla linea di condotta dettata dalle istituzioni che di volta in volta cambiano.
Ma la morale antifascista non cambia e quindi, forse, sarebbe bene che una associazione che è erede della storia e della cultura della Resistenza partigiana non avesse più dubbi in merito e diventasse così evidente la sua “partigianeria” da impedire a qualunque governo di avere dei dubbi se chiedere o meno all’ANPI da che parte stare.

(m.s.)

foto tratta da Patria Indipendente

categorie
Lo stiletto
nessun commento

lascia un commento

*

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.









altri articoli

  • Il mandante

    Genova, Mediterraneo. Terra e mare, cantieri e barconi. Un operaio di 42 anni è l’ultimo (ma non l’ultimo) morto a causa del lavoro: lascia una famiglia in questo mondo dove...
  • Il limite

    Ci dovrebbe essere un limite entro cui fermarsi, evitare di proferire parole che diventano solo accanimento, violenza, aggressività e cattiveria in generale. Ci dovrebbe essere ma non c’è. Una...
  • 117

    Nemmeno davanti a 117 dispersi, forse morti annegati in mare, il crudelismo tace, ma afferma che la causa sono i porti aperti, non certo la mancanza di navi nel...
  • Viva la “Melevisione”!

    La “Melevisione” compie 20 anni e le facciamo gli auguri anche noi. E’ stato e rimane un programma che disintossicava anche noi “adulti” (le virgolette servono a far intendere...