Coscienza su coscienza

Già la crudeltà è insita nell’animo umano tanto quanto la benevolenza: oscurità e luce, alternanza naturale. Tutto ciò che aggiunge peso alla crudeltà e la stimola a prevalere ammantandosi...

Già la crudeltà è insita nell’animo umano tanto quanto la benevolenza: oscurità e luce, alternanza naturale.

Tutto ciò che aggiunge peso alla crudeltà e la stimola a prevalere ammantandosi del volto della benevolenza è il vero peso politico e antisociale che va respinto.

A questo peso sulla bilancia della coscienza umana va contrapposta una resistenza fatta dimostrando che le fobie sociali sono false paure, schemi e produzioni mentali che non hanno una corresponsione con la realtà.

Alle fobie sociali si risponde non con un semplice richiamo al recupero della benevolenza, del lato buono dell’umanità e del singolo.

Alle fobie sociali si deve rispondere con la dimostrazione che non c’è divisione più crudele se non quella tra sfruttati e sfruttatori e che tutte le altre sono figlie di questa separazione classista.

Insomma, senza coscienza di classe non esiste coscienza vera e propria, non esiste morale, non esiste umanità possibile.

(m.s.)

foto tratta da Pixabay

categorie
Lo stiletto

altri articoli

  • Primati e primato

    Non domandatevi quando ne usciremo. Domandatevi cosa stiamo facendo per uscirne. Ciascuno e tutti. Finché il primato del profitto si imporrà su quello del benessere comune, non ne usciremo...
  • Mancavano giusto loro

    La “Flat tax” di Santori è prima di tutto una sciocchezza e non può chiamarsi “patrimoniale“. Poi è anche antisociale: se fai parti uguali tra diseguali, insegnava Don Milani,...
  • Helin

    288 giorni di sciopero della fame per urlare alla Turchia e al mondo intero che il regime di Erdogan non aveva il diritto di impedire a lei e ai...
  • Per un nuovo comunismo

    Credo di averlo già scritto, ma lo riscrivo. Perché cambiano i tempi, rapidamente e in questa situazione di crisi globale, è bene forse anche ripetersi se si affrontano temi...